Fatto in CasaStile di Vita

Natale, i consigli per l’albero che fanno bene all’ambiente

Condividi

Quale rappresenta un maggior danno per l’ambiente, un albero naturale o uno di plastica? Il Dottor John Kazer e l’attivista Emi Murphy ci spiegano le differenze.

Per molte persone portare a casa un albero di Natale segna l’inizio delle feste natalizie. Ma con la preoccupazione per l’ambiente che cresce anno per anno, molti si sono chiesti se sia meglio un albero vero o uno artificiale e cosa può garantire assicurarsi un Natale più eco sostenibile.

Plastica, il Natale 2019 sarà glitter free?

Parlando alla BBC, il Dottor John Kazer di Carbon Trust ha spiegato che un albero di Natale artificiale di due metri lascia un’impronta ecologica uguale a 40 kg di gas a effetto serra, a causa del modo in cui viene realizzato, spesso di plastica, e trasportato prima nei negozi e poi nelle case dei consumatori.

Si tratta di una cifra enorme, considerando che è più del doppio dei danni prodotti dalla morte naturale di un albero e dieci volte i danni causati da l’incendio di una pianta.      

Di conseguenza, bisognerebbe utilizzare lo stesso albero di plastica per almeno dieci anni prima di ridurre il suo impatto ambientale.  Il Dr Kezar ha spiegato di aver parlato con Emi Murhpy, attivista di Friends of the Earth: “Emi mi ha detto che se avessi un albero finto dovrei utilizzarlo il più possibile ma quando dovrò rimpiazzarlo, dovrò fare una scelta più ecosostenibile. Gli alberi veri possono sembrare la soluzione più ovvia, ma se ne usi uno diverso ogni Natale, può rappresentare un danno ancora più grande di quanto si pensi”.

Natale, plastic free: consigli per le feste

Il Dr. Kazer ha spiegato che il modo in cui ci si sbarazza dell’albero, finita la stagione natalizia, può essere più importante di come lo si acquista: “Se bruci l’albero e utilizzi le sue ceneri per coltivare, lo pianti o diffondi le sue schegge nel giardino, puoi ridurre le impronte di carbonio di circa l’80%, intorno ai 3.5kg di CO2”.

La soluzione migliore è piantare il proprio albero: “Comprare un albero e farlo crescere nel proprio giardino è la migliore soluzione per l’ambiente ed è anche quella che costa meno. Un albero vivente continua ad assorbire l’anidride carbonica nell’aria e addobbare lo stesso albero per anni può essere anche una tradizione di famiglia. Non hai bisogno di un giardino enorme per farlo crescere: gli alberi da vaso, come l’agrifoglio, possono essere una buona opzione e possono essere piantati sul balcone o all’aperto. Puoi goderti così le feste ed essere ecocompatibile”.

Abeti abbattuti dal maltempo ritornano in vita come alberi di Natale

Per Murphy “una piccola differenza nelle decorazioni, alimenti, regali può veramente cambiare le tradizioni del Natale e renderlo più sostenibile”. Secondo Friends of the Earth bisognerebbe comprare alimenti a km 0, evitare le imbottiture con le bolle di plastica e regalare esperienze invece che doni.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago