Cultura

NATALE IN ITALIA, NORD VS SUD: CENONE O PRANZO?

Condividi

Natale Nord vs Sud. Buon Natale a tutti, gente del Nord e gente del Sud! La prima abbuffata del cenone è stata superata ed il tour de force è appena cominciato. Ma l’Italia si divide tra chi da più importanza alla cena della Viglia e a chi invece al pranzo di Natale.

Una regola che accomuna tutti i popoli dello stivale è che il cenone delle vigilia deve essere rigorosamente a base di pesce, considerato secondo la religione cattolica un giorno di magro, come i venerdì di Quaresima. Ma al Centro e al Sud si festeggia di più la Vigilia, mentre al Nord il giorno di Natale.

I piatti tipici natalizi delle varie regioni italiane sono tantissimi, facciamo una rapida carrellata. Polenta con il baccalà e il lesso con salsine nel Veneto, agnolotti e bollito condito con salse in Piemonte, canederli e capriolo in Trentino, tortellini e passatelli in brodo in Emilia Romagna, fegatini e arrosto di faraona o il cappone ripieno in Toscana, spaghetti con le vongole in Campania, verdure pastellate, lasagne o cannelloni nel Lazio, tielle di baccalà, cavatelli ai frutti di mare o orecchiette con cime di rapa in Puglia, colurgiones de casu (ravioli ripieni) e i malloreddus (gnocchetti) in Sardegna, gallina in brodo e pasta con le sarde in Sicilia,

Una costante però di tutte le tavole italiane sono la frutta secca e gli immancabili dolci delle vacanze, panettone, pandoro e torrone. Ma paese che vai, tradizione che trovi! E ogni Regione sfoggia i suoi dolci tipici natalizi.
Ad esempio, il pandolce genovese in Liguria, gli struffoli in Campania, cioè palline di pasta dolce fritte nell’olio e decorate con frutta candita, i mostaccioli in Puglia, speziati e ricoperti con una glassa di zucchero o di cioccolato, il panforte in Toscana ed il panpepato nel Lazio.

Un derby nord vs sud da sempre molto combattuto e sentito. Nessuno si tira indietro, ogni Regione porterà sempre avanti le proprie irrinunciabili usanze e tradizioni. Buona Natale a tutti!

(Visited 1.123 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago