Italpress

Nasce l’Osservatorio Ital Communications-Censis sulla comunicazione

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – Dopo la presentazione, ad aprile scorso, del Rapporto Ital Communications-Censis “Disinformazione e fake news durante la pandemia: il ruolo delle agenzie di comunicazione”, in autunno verrà presentato l’Osservatorio permanente Ital Communications-Censis sulla comunicazione e sulle Agenzie di comunicazione italiane.
Il momento post-pandemico può essere una valida occasione per garantire un’alta social reputation alle agenzie di comunicazione riconoscendo il loro importante ruolo e valore sociale, si legge in una nota: “Per la prima volta, i media, vecchi e nuovi, hanno avuto difficoltà a governare un contesto di improvvisa moltiplicazione della domanda, a causa dell’emergenza dovuta al virus, confermando di avere sempre più bisogno di figure esterne affidabili e competenti. In tal senso, le agenzie di comunicazione possono porsi come un valido argine contro la cattiva informazione”.
“L’Osservatorio Ital Communications-Censis ha lo scopo di evidenziare come le agenzie di comunicazione possano costituire un efficace antidoto all’infodemia comunicativa che, nel corso della pandemia, ha generato disinformazione e fake news, aumentando di fatto il rischio di creare allarme e visioni distorte della realtà nelle persone. In tale scenario, i professionisti delle agenzie di comunicazione possono validamente assicurare qualità e veridicità alle notizie, garantendo al contempo il pluralismo dell’informazione”, spiega Attilio Lombardi, founder di Ital Communications.
Per Massimiliano Valerii, Direttore Generale del Censis, “in un mondo che è diventato sempre più digitalizzato dilagano spesso notizie incontrollate che possono generare confusione e ansia nei lettori. L’Osservatorio avrà l’obiettivo di fare chiarezza sul ruolo dell’informazione nel nostro Paese, in un contesto in cui i cittadini hanno diritto di ricevere un’informazione corretta, affidabile e certificata”.
(ITALPRESS).

(Visited 7 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago