Attualità

NASCE A BOLOGNA L’AGENZIA “ITALIAMETEO”

Condividi

Nasce a Bologna l’Agenzia “ItaliaMeteo”. Sarà Bologna ad ospitare l’Agenzia Nazionale per la Meteorologia e Climatologia “ItaliaMeteo”.

Il capoluogo romagnolo, era già stato scelto come sede ufficiale del Data center del Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine.

“ItaliaMeteo” nascerà al Tecnopolo, nella stessa sede dove sarà trasferito il Data Center, attualmente al Reading in Gran Bretagna.

La realizzazione del progetto, è stata inserita nel disegno di legge di Bilancio 2018, all’articolo 51, che ora inizia l’iter di approvazione in Parlamento.
Un passo storico” – commenta il ministro dell’Ambiente, Gianluca Galletti – “finalmente il nostro Paese si dota di una struttura nazionale in grado di fornire informazioni integrate sulle evoluzioni meteorologiche e climatiche del nostro Paese”.
La nuova Agenzia per la Meteorologia e Climatologia avrà l’obiettivo di razionalizzare ed organizzare i prodotti e servizi meteorologici, raccordando le necessità operative con la ricerca e le necessità delle amministrazioni”.

20 milioni di euro, le risorse per finanziare i primi investimenti tecnologici e la ricerca di personale: “due milioni di euro nel 2019 e tre milioni per ciascuno degli anni 2020 e 2021, nonché un milione per l’anno 2018, cinque per il 2019 e sette annui a decorrere dal 2020 per garantire il soddisfacimento delle esigenze di funzionamento e di personale dell’Agenzia, il cui numero complessivo massimo sarà di 52 unità”.

Insieme all’Agenzia nascerà anche un Comitato di indirizzo per la meteorologia e la climatologia, composto di tredici esperti del settore, che rappresenterà l’Italia nelle sedi europee e nell’immediato predisporrà lo statuto dell’Agenzia, verificando risorse e attività che vi dovranno confluire.

(Visited 144 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago