AttualitàGood NewsSalute

Napoli, la farmacia che elimina l’IVA sugli assorbenti al 22%: “Il ciclo non è un lusso”

Condividi

Via l’IVA al 22% sugli assorbenti femminili. Non è una proposta di legge di difficile approvazione, bensì l’iniziativa di una farmacia di Napoli.

Dove la politica non riesce o non vuole arrivare, spesso arriva la giurisprudenza e, in alcuni casi, la singola iniziativa di imprese private. A Napoli è successo proprio questo: la farmacia Segreto, in zona Vomero, ha deciso di eliminare totalmente l’IVA al 22% sugli assorbenti di qualunque marca, “sottraendo alla cassa l’equivalente dell’imposta, perché il ciclo non è un lusso“.

L’Imposta sul Valore Aggiunto grava sui consumi ed ha una aliquota che varia in base a quanto un singolo prodotto viene considerato necessario. I prodotti più necessari, in Italia, hanno un’IVA al 4%, quelli considerati di lusso arrivano fino al 22%. Tra questi ultimi ci sono proprio gli assorbenti femminili, mentre prodotti come i tartufi o altri alimenti più pregiati non arrivano a quell’aliquota.

La farmacia, sulla propria pagina Facebook, ha anche parlato della questione in un video. “In quasi tutta Europa si è legiferato al riguardo, in Italia purtroppo si rimanda sempre. Abbiamo scelto di eliminare l’IVA su tutti gli assorbenti” – spiega il dottor Francesco Segreto, titolare della farmacia partenopea – “Basta con le tasse sulle donne, impariamo a rispettarne la natura“. Un’iniziativa che sui social ha trovato tantissimi elogi.

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago