AttualitàClima

Enrico e Jamal come Greta, in piazza a Napoli per dire no alla plastica

Condividi

Napoli. Nonostante la loro giovane età, Enrico (7 anni) ed il suo amichetto Jamal (8 anni) hanno raccolto 107 firme per chiedere al sindaco di Napoli, Luigi de Magistris e ai napoletani un impegno per usare meno plastica.

Per convincere tutti ha anche deciso di scendere in piazza.

E così, domani alle ore 11.30, sarà in piazza Municipio per lanciare il suo messaggio.

Le direttive del baby attivista sono chiare: “Fate un cartellone o portate un oggetto di plastica di cui potete fare a meno e dimostriamo che si può vivere senza plastica”.

Humor Biodegradabile, a Roma 100 vignette di grandi autori sull’inquinamento da plastica

Plastica, trovate in Malesia migliaia di tonnellate di rifiuti italiani VIDEO

Lui il cartellone lo ha già preparato e mette al bando una bottiglia di plastica.

L’idea è quella di scattare una foto e di inviarla al sindaco di Napoli e di avviare, così, una vera e propria campagna di sensibilizzazione.

Plastica, il sindaco di New York vieta la vendita di bottiglie monouso in città

Plastica, un tempio buddista crea gli abiti dei monaci con bottiglie riciclate

Enrico a casa insieme alla sorellina gemella Giulia e ai suoi genitori già da tempo è attento a usare prodotti plastic free.

Domani proverà a convincere anche gli altri.

(Visited 29 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago