Animali

Namibia, dieci elefanti abbattuti per proteggere gli agricoltori e i loro raccolti

Condividi

Il governo della Namibia ha spiegato di aver dovuto abbattere dieci elefanti, colpevoli di aver distrutto i raccolti nelle aree rurali del paese.

Dieci elefanti sono stati abbattuti in Namibia negli ultimi mesi per essersi introdotti in alcune aree rurali, devastando i terreni agricoli durante la stagione dei raccolti.

Sudafrica, un team di cani addestrati cattura i bracconieri e protegge le specie a rischio

La decisione è stata presa per proteggere gli agricoltori e i loro raccolti ha spiegato Romeo Muyunda, portavoce del ministero dell’ambiente, delle foreste e del turismo. Le carcasse sono state donate alle comunità i cui terreni sono stati devastati dal branco come risarcimento per il danno subito.

 

Animali, bracconaggio in aumento nelle aree povere colpite dal coronavirus

Solitamente le persone sono terrorizzate dagli elefanti durante questa stagione” ha spiegato Muyunda, aggiungendo che, in assenza di soluzioni alternative l’unico modo per fermare gli elefanti è abbatterli. Tra le possibili soluzioni da prendere in considerazione prima dell’abbattimento ci sono la somministrazione di contraccettivi e la ricollocazione del branco.

Coronavirus, in Thailandia 78 elefanti tornano liberi

Come molte altre nazioni africane, la Namibia fatica a trovare un equilibrio tra la protezione di specie come gli elefanti e la minaccia che questi possono rappresentare quando entrano in aree abitate. Il paese ha vietato l’abbattimento nel 1995 per poi reintrodurlo nel 2008, dopo che, grazie ad una campagna per la conservazione della specie, il numero di elefanti è passato dai 7,500 a circa 20,000. Attualmente secondo i dati del governo ci sono circa 24,000 elefanti nel paese.

(Visited 114 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago