Clima

Musica, dieci artisti che hanno messo il clima al centro delle loro canzoni

Condividi

Da Paul McCartney a Billie Eilish, sono molti i cantanti che hanno preso parte alla lotta contro i cambiamenti climatici. Ecco dieci artisti che hanno parlano del clima nelle loro canzoni.

Da James Brown e la sua battaglia per i diritti civili a Joni Mithcell e Marvin Gaye per l’ambiente, fino a Jackson Browne e Buffalo Springfield che hanno parlato del disarmo nucleare, il mondo della musica ha sempre contribuito a portare alla ribalta i movimenti sociali. Oggi, quando si parla di movimenti per il clima, la realtà non è differente. Indipendentemente dalla generazione e dai generi musicali, i musicisti di tutto il mondo stanno portando avanti la lotta ai cambiamenti climaticici nel modo migliore con cui riescono ad esprimersi: con la musica.

  • Xiuhtezcatl

Pochi artisti sono in grado di trattare i cambiamenti climatici come il rapper Xiuhtezcatl Tonatiuh Martinez, attivista da sempre e membro di Climate Reality. Nella sua canzone “Broken” sono presenti tre messaggi relativi ai cambiamenti climatici: il devastante impatto che questi stanno avendo, la crisi intergenerazionale e il fatto che la società e gli individui siano ancora in tempo per evitare la crisi climatica.

 

  • Paul McCartney

Musica, creata la prima melodia grazie alla fermentazione degli alimenti VIDEO

Nel 2018 l’ex Beatle ha pubblicato l’album Egypt Station con all’interno il singolo “Despiste Repeated Warnings”, in cui esprime la sua frustrazione verso le inazioni dei governi. Come spiegato da Paul, la canzone critica “l’idea che tutto debba avere un lieto fine. Certo, ci sono gli iceberg che si stanno sciogliendo ma non ci interessa perché viviamo a Londra quindi niente panico”. Inoltre il soggetto della canzone “rappresenta i politici che descrivono i cambiamenti climatici come un inganno”.

  • Childish Gambino

Nel 2018 Donald Glover, conosciuto come Childish Gambino ha rilasciato il singolo “Feels like Summer” nel cui testo si può sentire “Puoi sentirlo nelle strade, in giorni come questi il calore, sembra di essere in estate”. Quella che poteva sembrare una classica hit estiva in realtà è un tentativo di far crescere la consapevolezza della gente sui cambiamenti climatici. Infatti la canzone continua con “l’aria che uccide le api da cui dipendiamo, gli uccelli sono fatti per cantare ma ci svegliamo senza sentire suoni”.

  • Jaden Smith

Jaden Smith, figlio dell’attore Will Smith, è un altro rapper che parla dei cambiamenti climatici nelle sue canzoni, spesso collaborando con altri artisti. Nella canzone “Boombox Warfare”, scritta insieme a Xiuhtezcatl, il giovane rapper parla dell’impatto dei cambiamenti climatici sul mondo animale. Che sia con la musica o con l’attivismo, Jaden Smith è uno dei simboli della lotta ai cambiamenti climatici.

  • Billie Eilish

Billie Eilish è un’altra delle giovani voci che chiede al mondo di svegliarsi. Il suo impegno ambientale è stato dimostrato in molte occasioni, una delle quali nella canzone “All the Good Girls Go to Hell“. Con poche parole la giovane cantante descrive la situazione ambientale e i drammatici incendi che hanno distrutto la California: “Le colline bruciano in California, è il mio turno di ignorarvi, non ditemi che non vi ho avvisato”. Inoltre nel video indossa delle ali di un gabbiano che bruciano perché coperte da petrolio.

Emergenza climatica, quando la musica si schiera a difesa dell’ambiente

  • Neil Young

Nella sua lunga carriera Neil Young non si è mai vergognato di essere un’attivista ed è molto emozionante vedere il chitarrista battersi ancora per quello in cui crede . Ad ottobre Young ha rilasciato Colorado, un album in cui parla dei cambiamenti climatici e chiede azioni imminenti. Nella canzone “Green is Blue” fa riferimento a quanto tempo ci sia voluto per prendere seriamente in considerazione i primi effetti dei cambiamenti climatici mentre in “Shut it Down” ripone la speranza nel futuro.

  • FOALS

La band inglese FOALS sta rapidamente diventando una delle voci più importanti della musica in tema ambientale. Basta prendere in considerazione l’album “Everything Not Saved Will Be Lost” che rappresenta una coraggiosa lotta per salvare l’ambiente. Nel video di “Like Lightning” il protagonista sveglia la società dalla distruzione senza senso del pianeta che l’umanità sta portando avanti.

  • Lana Del Rey

Lana Del Rey è un’altra artista di grande profilo che ha messo l’ambiente al centro della sua musica, subendo anche molte critiche. Pitchfork Music ha messo la canzone “The Greatest” al secondo posto delle 100 migliori canzoni del 2019. Riferendosi al brano Pitchfork ha scritto “Nell’ultima canzone di Lana Del Rey un’intera generazione è in fiamme. Il mondo è sempre più caldo. Non è rimasto molto tempo. Le canzoni di Lara sono sempre sembrate come delle lettere inviate da una spiaggia mentre si osserva la fine del mondo; la differenza è che ora stiamo osservando la fine insieme a lei”. Come Billie Eilish, anche Del Rey parla degli incendi in California “Los Angeles è in fiamme, sta diventando sempre più calda, la vita su Marte non è più solo una canzone”.

  • The Climate Music Project 

Musica, “Le quattro stagioni” di Vivaldi riadattata al cambiamento climatico

Non è detto che ogni canzone sul clima debba avere un testo. In realtà alcune delle melodie più provocanti sono composte solo da strumenti. E’ il caso di Climate Music Project, un gruppo che prende i dati reali sul clima per produrre quello che definiscono “il sound dei cambiamenti climatici”. Come spiegato dal fondatore Stephan Crawfordascoltare una composizione è un’esperienza attiva, non passiva. Può servire a rendere i cambiamenti climatici molto più personali ed ispirare le persone”.

  • Bon Iver

Bon Iver, è una band il cui nome deriva dalla storpiatura francese di “Bon Hivern“, buon inverno. Nel singolo Jelmore del 2019, il cantante Justin Vernon accusa i leader di tutto il mondo di non aver visto i pericoli dei cambiamenti climatici proprio fuori dalle loro finestre: “Per quanto tempo ancora ignorerete il calore?“.

(Visited 520 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago