Breaking News

MUSEI GRATIS ROMA, DOMENICA 1 APRILE 2018. PASQUA ALL’INSEGNA DELLA CULTURA. TUTTE LE INFORMAZIONI

Condividi

Musei gratis RomaDomenica 1 Aprile 2018, giorno di Pasqua, torna l’iniziativa #DomenicaAlMuseo, promossa dal Mibact. Ecco la lista di tutti i musei gratuiti a Roma.

L’evento ‘Musei gratis a Roma’, ogni prima domenica del mese, ad aprile ricade nella giornata di Pasqua.  Un’occasione per visitare il patrimonio culturale della capitale con parenti ed amici e per trascorrere la domenica di Pasqua all’insegna dell’arte.

Ecco la lista dei musei statali gratis a Roma Domenica 1 Aprile 2018

 

MUSEI E AREE ARCHEOLOGICHE STATALI

 

– Colosseo e Foro Romano / Palatino (ingresso contingentato)

– Museo nazionale Romano (Palazzo Massimo, Palazzo Altemps, Crypta Balbi, Terme di Diocleziano)

– Galleria Borghese (sempre obbligatoria la prenotazione)

– Museo nazionale Etrusco di Villa Giulia

– Galleria Nazionale Arte Moderna

– Museo Boncompagni Ludovisi

– Museo H.C. Andersen

 

– Galleria nazionale d’Arte Antica Palazzo Barberini

– Galleria nazionale d’Arte Antica Palazzo Corsini

– Galleria Spada

– Museo nazionale di Palazzo Venezia

– Museo nazionale di Castel Sant’Angelo (ingresso contingentato)

– Museo nazionale d’Arte Orientale “G. Tucci”

– Museo nazionale Preistorico Etnografico “L. Pigorini”

– Museo nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari

– Museo nazionale dell’Alto Medioevo

– Museo nazionale degli Strumenti Musicali

– Terme di Caracalla

– Mausoleo di Cecilia Metella

– Villa dei Quintili

– Santa Maria Nova sull’Appia Antica

– Villa di Livia a Prima Porta

– Area archeologica di Veio

 

– Scavi di Ostia Antica

– Museo Ostiense

– Castello di Giulio II

– Area archeologica del Porto di Traiano

 

– Villa Adriana a Tivoli

– Villa d’Este a Tivoli

 

Maggiori informazioni sul sito: MIBACT- Beni culturali

(Visited 510 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago