CulturaRomaVideo

Murales a Roma, un anno di street art

Condividi

Tanti i murales presentati quest’anno nella capitale, dai tributi a Gigi Proietti, Davide Cervia e John Lennon all’astrattismo di Lucamaleonte, dalle gigantesche raffigurazioni sui palazzi di Torpignattara alle opere di denuncia di Blu.


Tributi, astrattismo, protesta sociale ma anche semplice arte contemporanea. Roma si sta tingendo sempre di più dei colori della street art, anche in un anno dove il distanziamento sociale e i lockdown hanno costretto tanta gente a casa. Dai tanti tributi a Gigi Proietti, scomparso a novembre di quest’anno, al ricordo di Davide Cervia, marinaio misteriosamente sparito durante la guerra del golfo al ricordo di Harry Greb per i 40 anni dalla morte di John Lennon.

Roma, inaugurato il nuovo murales antismog dedicato al movimento LGBTQI+

Ma anche arte simbolica, come le Vespe di Lucamaleonte, o i bambini di Alice Pasquini in via dei Sabelli, a San Lorenzo, fino alle monumentali opere sui palazzoni di Torpignattara, l’arte da strada sta diventando sempre di più un’attrazione moderna nella Città Eterna.

Roma, a Talenti arriva “la giungla urbana”, il murale che purifica l’aria

 

(Visited 22 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago