Il colosso della navigazione ha deciso di rivedere le sue rotte nel Mediterraneo perché coincidevano in un tratto greco a quello che è stato considerato habitat fondamentale per i Capodogli. 

I grandi cetacei del Mediterraneo sono sempre più spesso vittime di collisioni con grandi navi. Per questo motivo la MSC Mediterranean Shipping Company, compagnia di  di gestione di linee cargo cui fa capo anche Msc Crociere, ha deciso di modificare la rotta delle proprie navi portacontainer.

La modifica è stata decisa perché una parte dell’itinerario utilizzato dalle mega navi portacontainer coincideva con un pezzo di mare in Grecia considerato habitat fondamentale per i capodogli. 

Strage di tartarughe: 15 esemplari di Caretta Caretta morti in un solo mese in Campania

MSC modifica le rotte per salvare i capodogli dall’estinzione

La decisione è stata presa dal gigante della navigazione dopo aver visionato gli studi di Fondo internazionale per il benessere degli animali (IFAW), OceanCare e WWF Grecia in collaborazione con il Pelagos Cetacean Research.

Questi studi hanno individuato in un tratto che va dal Peloponneso all’isola di Creta, una depressione oceanica – definita “fossa ellenica” – che è stata scelta per le sue caratteristiche dai capodogli ancora rimasti nel Mediterraneo.

Proprio qui infatti sono stati osservati gli unici gruppi famigliari del Mediterraneo di questi cetacei che stanno scomparendo dai nostri mari.

“È necessaria un’azione decisiva e urgente per proteggere i restanti 200-300 capodogli – ha dichiarato il gruppo Msc – Abbiamo la responsabilità di garantire che le nostre operazioni cargo abbiano un impatto positivo, riflettendo il nostro impegno di lunga data nella conservazione e protezione dell’oceano e della fauna marina. Collaborare con i partner delle ong è fondamentale per comprendere e poi adottare strategie per proteggere i capodogli in via di estinzione lungo la costa greca”.

Animali, anche i pesci palla hanno bisogno del dentista

Articolo precedenteScarti tessili trasformati in coperte per cuccioli, il progetto per ragazzi con disabilità
Articolo successivoUnicredit non finanzierà più le energie fossili nell’Artico