Home Animali Uccideva rinoceronti per i loro corni, condannato a 30 anni di carcere

Uccideva rinoceronti per i loro corni, condannato a 30 anni di carcere

In Mozambico un bracconiere che uccideva rinoceronti per contrabbandare i loro corni, è stato condannato a 30 anni di carcere dopo essere stato arrestato durante una battuta di caccia illegale

Admiro Chauque, un bracconiere e contrabbandiere di corni di rinoceronti del Mozambico, è stato condannato da un giudice del suo Paese a 30 anni di carcere. Il motivo: caccia di animali protetti, detenzione illegale di armi e associazione per delinquere.

Chauque era il capo di una delle più grandi e sanguinarie bande di bracconieri del Sud Mozambico che operava anche nel Kruger National Park in Sud Africa.

Era lui che organizzava il contrabbando dei corni dei rinoceronti uccisi e pare che negli scorsi anni sia arrivato ad uccidere o(o a far uccidere) un numero spropositato di animali.

Aviaria, in Italia abbattuti oltre 14 milioni di polli e altri volatili

Secondo l’istituto nazionale delle aree protette e dei parchi,  l’Administração Nacional das Áreas de Conservação, Admiro Chauque alimentava il contrabbando internazionale di corni di rinoceronte dei paesi asiatici, in particolare Cina e Vietnam.

Mozambico, il giro di vite sui bracconieri

Il Mozambico negli ultimi anni ha deciso di inasprire parecchio le proprie regole sul bracconaggio e quindi anche le pene.

Nel Paese africano gli arresti per bracconaggio di fauna selvatica hanno toccato nel 2019 il numero di 541. Mentre si è arrivati a quota 444 nel 2020.

E chi viene arrestato per bracconaggio in Mozambico deve vedersela con una delle leggi più severe in materia. Nel 2017, infatti, è stata introdotta una pena minima di 16 anni per i bracconieri di rinoceronti. 

Florida, con il freddo tornano a cadere le iguane congelate

Articolo precedenteElon Musk offre 5000 dollari al ragazzo che traccia il suo jet, lui rifiuta
Articolo successivoPesticidi, Eleonora Evi: “L’Italia ha violato le norme Ue”