Si chiama Moving Mountain ed è un’app che permette di esplorare le montagne del Trentino rispettando l’ambiente. A idearla un gruppo di studenti liceali di Rovereto, che si sono aggiudicati il premio Green Jobs.

Un’app per esplorare le meraviglie delle montagne del Trentino, con preziosi suggerimenti per una fruizione sostenibile dell’ambiente e per un’accessibilità garantita a tutti. Si chiama Moving Mountain ed è stata sviluppata dagli studenti della classe IV B del liceo Antonio Rosmini di Rovereto. I ragazzi sono stati impegnati nel progetto di alternanza scuola-lavoro Green Jobs, un percorso di autoimprenditorialità dedicato agli studenti delle scuole superiori. L’obiettivo del progetto, realizzato a livello nazionale col coinvolgimento di otto fondazioni tra cui la Fondazione Caritro, è quello di promuovere lo sviluppo delle competenze trasversali legate alla green-economy nel rispetto degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’Onu.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Moving Mountain (@movingmountain4b)

Questi i nomi degli studenti che hanno partecipato al progetto: Umberto Simone Azzarà, Paul Barbu, Valeria Cadin, Matilde Dealessandri, Martina Donadio, Anna Garbini, Giacomo Gatti, Giacomo Giovanazzi, Beatrice Giovanelli, Nicole Graziotti, Aurora Hartner, Davide Innocenti, Davide Nicolini, Benedetta Andrea Onorati, Giacomo Passerini, Chiara Perani, Denise Piazzola, Alessandro Piccolroaz, Lorenzo Rossi, Tommaso Tramontin, Maria Vittoria Letrari e Matilde Vianello. A coordinarli è stata la professoressa Anna Baroni. L’idea alla base dello sviluppo dell’app è quella di rendere lo sport di montagna sostenibile e accessibile per tutti, con dei suggerimenti virtuosi per limitare il più possibile l’impronta ambientale sul territorio montano.

L’app Moving Mountain è il risultato finale del progetto degli studenti di Rovereto, raggiunto tra l’altro nonostante problematiche esterne come la pandemia e la didattica a distanza. Martina Donadio, studentessa referente del progetto, ha spiegato: “Abbiamo deciso di proporre suggerimenti utili per percorsi e guida anche a persone con disabilità, di offrire la possibilità di prenotare istruttori e attrezzature, e di inserire il climate clock, che ci ricorda il tempo rimasto per agire prima che la Terra non sia più abitabile dall’uomo. Ci sono poi le mappe delle fonti d’acqua e dei punti di raccolta rifiuti, una serie di quiz e giochi a tema ambientale con premi e vantaggi in termini di sconti presso enti locali che sostengono l’iniziativa. Ci sono poi consigli e suggerimenti su baite e ristoranti che utilizzano prodotti biologici e/o a km 0″.

Per realizzare l’app Moving Mountain, gli studenti hanno anche somministrato un questionario a oltre 2000 persone, che hanno suggerito una lista di servizi da offrire. I ragazzi della IV B del liceo Rosmini hanno poi spiegato: “L’app è sostenibile perché promuove uno stile di vita green, all’aria aperta, la socializzazione e lo sport in montagna. Con la pandemia l’uomo ha fatto un passo indietro e la natura uno in avanti: riusciremo a vivere in un futuro in cui andremo avanti di pari passo? Serve un’inversione di tendenza nei nostri comportamenti, ogni piccolo gesto conta e tutti insieme possiamo fare la differenza”.

Gli studenti parteciperanno al Festival dell’Economia di Trento il giorno 5 giugno alle ore 16:30, dove presenteranno il loro progetto in maniera ancora più dettagliata.

Articolo precedenteLa carta prepagata Mooney ancora più digitale
Articolo successivoWindtre, nuova campagna tv dedicata alla Top Quality Network