Roma

Mostre Roma, appuntamento con l’arte nella capitale

Condividi

Mostre Roma. Tutti gli appuntamenti con l’arte e la cultura nella capitale. Ecco le mostre principali, date, orari e altre informazioni.

Al Palazzo delle Esposizioni arriva l’installazione Manifesto di Julian Rosenfeldt. Composta da 13 grandi schermi, ognuno con una storia da raccontare, l’opera è apparsa al pubblico per la prima volta nel 2015 e si ispira ai manifesti tipici dei movimenti artistici del Novecento come il futurismo, il dadaismo, Fluxus, il suprematismo, il situazionismo, Dogma 95 e altri, sottolineando il ruolo dell’artista.

Le 13 storie sono incentrate su undici figure femminili e una maschile, tutte interpretate dall’attrice Cate Blanchett: un senzatetto, una broker, un’operaia, una CEO, una punk, una scienziata, l’oratrice di un funerale, una burattinaia, una madre di famiglia, una coreografa, una giornalista televisiva e un’insegnante.

L’opera, scritta, diretta e prodotta da Julian Rosenfeldt, è pensata dall’artista in qualche modo come un “manifesto dei Manifesti”.

Mostre Roma, tutti gli appuntamenti nella capitale marzo/aprile

Dal primo marzo nel cuore del quartiere romano di San Lorenzo, più precisamente in Piazza dell’Immacolata verrà inaugurato il percorso Banksy Confidential Roma, attraverso tre opere d’arte pubblica realizzate dall’anonimo artista. Le tre opere dello street artist forse più famoso e più chiacchierato (è nota ormai a tutti la vicenda dell’opera da 1,2 milioni di euro che si è autodistrutta all’asta lo scorso 5 ottobre) al livello mondiale saranno ovviamente visibili gratuitamente fino alla loro naturale consunzione.

Graffiti e provocazione sono le parole chiave quando si parla del percorso artistico di Banksy, le sue opere appaiono, solitamente a sorpresa, sui muri delle città prescelte, suscitando una forte attrazione da parte del pubblico, probabilmente dovuto al loro carattere ironico e spesso critico.

Tutti gli eventi a Roma: arte e cultura

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago