Roma

Mostre, l’arte del riciclo. A Roma i quadri di Jane Perkins

Condividi

L’artista inglese esporrà le sue opere al Centro Commerciale Roma Est, nell’ambito della mostra “La Ri-Forma dell’Arte”, dal 26 luglio all’ 11 agosto.

Le opere di Jane Perkins saranno esposte per la prima volta in Italia. Una “re-maker”, come ama definirsi l’artista,  che usa giocattoli buttati via, gettoni vecchi, conchiglie, bottoni o perline per comporre i suoi quadri.

Plastica, dal riciclo della raccolta differenziata toscana nasce una lampada di design

In ogni sua opera l’artista usa gli oggetti come se fossero colori, sfruttando ogni singola sfumatura senza mai adoperare pittura o altro. La sua ispirazione viene dall’attualità, ma riproduce anche arte classica, icone e personaggi di varie epoche, sia attuali che moderni, dallo sportivo al personaggio storico, fino al mondo dello spettacolo.

Sfilata Frasso, Moda e Riciclo 2019. Torna l’evento dedicato al fashion eco-sostenibile

La mostra è gratuita e fruibile per tutti, dal 26 luglio all’11 agosto, dalle 10 alle 22. Ad impreziosire l’esposizione nei due weekend del 3-4 agosto e del 10-11 agosto ci saranno una serie di laboratori didattici, sempre nel Centro Commerciale.

The Jackal, le 8 cose che di sicuro non sapevi sul riciclo VIDEO

Secondo Marco Torresan, Shopping Center Manager RomaEst, il progetto “La Ri-Forma dell’Arte” vuole “rinnovare ed amplificare il ruolo che l’arte ha nel tessuto sociale, rendere più accessibili e fruibili da tutti i linguaggi culturali, e soprattutto coinvolgere direttamente i visitatori del Centro RomaEst in un tema così attuale attraverso momenti formativi ed educativi, grazie a specifici laboratori”.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago