Roma

MOSTRE ROMA, APPUNTAMENTO CON L’ARTE

Condividi

Mostre Roma.  In occasione del Bimillenario Ovidiano le Scuderie del Quirinale ospitano “Ovidio. Amori, miti e altre storie”, mostra, curata da Francesca Ghedini, che mette in relazione l’arte e le storie di uno dei più grandi poeti di sempre.

Per l’occasione sono arrivate a Roma opere provenienti da alcuni dei più importanti musei del mondo, il Louvre di Parigi, la National Gallery di Londra e gli Uffizzi di Firenze, ma anche dalla Biblioteca di Gotha in Germania e dalla Royal Danish Library di Copenaghen per un’esposizione che permette di trovare nello stesso luogo affreschi pompeiani, preziosissimi manoscritti antichi e capolavori rinascimentali come la Venere pudica di Botticelli. Se nella prima sala è raccontata la vita del poeta e il suo rapporto conflittuale con uno dei personaggi più noti della storia antica, l’imperatore Augusto, le tappe seguenti si susseguono affrontando le tematiche principali delle storie di Ovidio, con particolare attenzione alle Metamorfosi che, per secoli, hanno ispirato intellettuali e artisti.

Maggiori informazioni su:  https://www.scuderiequirinale.it

Il MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo presenta Low form. Imaginaries and visions in the age of artificial intelligence, la mostra che si propone di indagare il rapporto tra l’uomo moderno e la tecnologia, con un’ampia riflessione che coinvolge numerosi artisti (tra i quali troviamo Zach Blas & Jemima Wyman, Jon Rafman, Cheyney Thompson, Luca Trevisani e altri)che si fanno ambasciatori della cosiddetta millennial generation con oltre venti grandi installazioni.  Non solo una mostra ma un laboratorio di studio tra robot e avatar 3D che si interrogano sul senso della propria esistenza, quella offerta dal MAXXI di Roma e curata da Bartolomeo Pietromarchi, specchio di un’epoca in cui sembra essere sempre più difficile tenere il passo con il rapido sviluppo tecnologico.

Maggiori informazioni: https://www.maxxi.art

Fonte immagine: Maxxi Roma

(Visited 45 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago