Attualità

Morto in un incidente aereo Egidio Gavazzi, l’editorialista amico dell’ambiente

Condividi

È morto a 84 anni precipitando con il suo ultraleggero Egidio Gavazzi, ecologista ed editore di tante riviste a tema ambientale, tra cui Airone.

Tutti lo conoscevano come l’editore amico dell’ambiente. Si è spento in un tragico incidente aereo a 84 anni Egidio Gavazzi, editore ed ecologista convinto. Secondo testimoni l’aereo ha iniziato a sbandare quando era in fase di atterraggio, a pochi metri dalla pista dell’aeroporto “Allegri” di Padova. Difficile dire che cosa sia potuto accadere prima dell’incidente, ma l’aereo è caduto nell’aeroporto, schiantandosi a terra e prendendo fuoco.  Il velivolo si è incendiato subito e per Gavazzi non c’è stata via di scampo: è morto all’istante.

Loredana De Petris a TeleAmbiente: “Obiettivo ddl costituzionale entro fine legislatura. Il G7 doveva fare di più”

 Classe 1937, nato a Erba, in provincia di Como, ma residente a Milano, discendente di una articolata e nobile famiglia lombarda, Gavazzi era naturalista, ambientalista. Fu fondatore delle riviste Airone e Aqua, nonché della Società Italiana Caccia Fotografica, scrittore amante di libri, natura e soprattutto innamorato degli aerei. Fu anche uno dei membri fondatori della sezione italiana di Greenpeace. Fine uomo di cultura, era un appassionato di volo, tanto da aver scritto anche un bel libro, “Desiderio di volo”, che racconta questo desiderio profondo che anima l’uomo dalla notte dei tempi.

 


Gavazzi era un uomo stimato e conosciuto nell’ambito dell’editoria, la sua era una famiglia di aviatori, ed era stato promotore di grandi battaglie ambientaliste.

(Visited 33 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago