Attualità

Morto Franco Ortolani, il professore della Terra dei Fuochi

Condividi

È morto stanotte Franco Ortolani,campano, Senatore del M5S, Aveva da poco denunciato di soffrire di due tumori, causati dai rifiuti tossici contro cui sempre si è battuto.

Stanotte è morto a 75 anni il professore Franco Ortolani, ordinario di geologia, una vita passata tra l’insegnamento alla Federico II e la lotta con i comitati contro discariche e roghi tossici. Eletto senatore con il M5S, aveva denunciato ad agosto di aver contratto due tumori, uno alla prostata e uno al rene destro, contratti dopo una vita passata a combattere contro i fumi e rifiuti tossici della Campagna.


Proprio qualche mese fa aveva denunciato sui social network la sua malattia, soprattutto per sottolineare la gravità e la pericolosità delle zone tossiche della sua regione, in particolare della Terra dei Fuochi, contro cui si è battuto fino all’ultimo.

Terra dei fuochi, Casa Surace e Ministero dell’Ambiente insieme per la legalità VIDEO

«Dopo l’ennesima diagnosi, avendo già avuto un tumore alla prostata, ho pensato che questa terra mi ha fatto male“, aveva scritto ad Agosto. ” Forse ho mangiato qualcosa di cui all’epoca non si conosceva la tossicità oppure ho respirato aria cattiva, non lo so. Il mio impegno a difesa dei cittadini e delle risorse naturali non si ferma, sarò sempre più attivo nell’evitare che ci sia nuovo inquinamento, di volumi enormi di materiale che poi diventa impossibile risanare e riqualificare. Come il caso della Resit, bene il campo dei bambini ma il percolato defluisce verso Lago Patria e i problemi restano. L’unico modo è intervenire duramente perché teniamo presente che non è affatto finito il traffico criminale: produciamo sei milioni di tonnellate di rifiuti non urbani e spesso non censiti».

Terra dei Fuochi, perché il Patto d’azione non ha funzionato?

(Visited 29 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago