AttualitàClima

Caldo record in Canada, sale a 719 il bilancio delle morti improvvise

Condividi

Caldo Record in Canada. Sale a 719 il bilancio delle morti improvvise e inaspettate a causa del caldo record che ha colpito il Paese in questa settimana. Ad annunciarlo il capo medico legale della British Columbia, Lisa Lapointe per la quale si tratta di una cifra senza precedenti, tre volte superiore alla media di decessi in questo periodo.

Lapointe ha poi sottolineato che le estreme condizioni meteorologiche sono considerate un fattore determinante nell’aumento dei morti e che la cifra è destinata a crescere.

“Molte di queste morti – ha spiegato il capo medico legale – hanno riguardato persone anziane che vivevano da sole con una ventilazione al minimo”.

Grave la situazione anche nel Nord Ovest degli Stati Uniti, dove si contano 95 decessi nella Multnomah County, in Oregon.

 

Le temperature estreme, che hanno raggiunto il picco dei 50°C mai registrati prima in Canada, sono iniziate il 25 giugno e da allora stanno mettendo in ginocchio il Paese.

Il caldo infatti ha portato con sé una pioggia di fulmini che fino ad oggi ha generato oltre 130 maxi incendi boschivi che stanno devastando il Canada occidentale.

Caldo record in Canada, incendio distrugge la cittadina di Lytton in soli 15 minuti

Nei giorni scorsi, un incendio ha distrutto in soli 15 minuti il villaggio di Lytton a 260 km a nord-est di Vancouver.

Sulla costa occidentale, nella Columbia britannica e nell’Alberta Occidentale, in 15 ore (a cavallo tra mercoledì pomeriggio e giovedì mattina) sono stati registrati oltre 710 mila fulmini, 100 mila dei quali si sono scaricati a terra innestando una serie di incendi che sta bruciando l’area.

“Un numero incredibile per il Canada – spiega Chris Vagasky, meteorologo della società Vaisala specializzata in soluzioni per il monitoraggio e la sicurezza ambientale – che corrisponde al 5% di tutti i fulmini che normalmente registra il Paese nell’arco di un anno”.

“Il nesso tra caldo e incendi è da ricercare negli alti livelli di umidità dell’atmosfera, che hanno dato vita a insoliti violenti temporali” – aggiunge Jonathan Bau, meteorologo dell’Environment and Climate Change Canada.

Le autorità canadesi stimano che gli incendi bruceranno 100 mila ettari di bosco entro la fine del weekend e ci saranno oltre 1300 abitazioni evacuate e un numero imprecisato di dispersi.

Canada in fiamme, la situazione si aggrava: oltre 500 morti per il caldo

Il governo federale ha inviato aerei militari per aiutare i pompieri a contenere le fiamme e mettere in salvo le comunità minacciate dall’avanzare degli incendi.

Inoltre, è stata annunciata dal primo ministro Justin Trudeau una task force per  coordinare gli interventi nell’emergenza.

Il ministro per la Sicurezza Pubblica, Bill Blair, ha parlato di “incendi devastanti e senza precedenti anche per una zona purtroppo soggetta a incendi estivi”.

La comunità scientifica sostiene che la responsabilità è dei cambiamenti climatici e che questi eventi meteorologici inusuali ed estremi sono destinati ad aumentare di intensità e frequenza.

 

(Visited 63 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago