Roma

Giustizia per il cane Lucky: condannato l’uomo che lo uccise a bastonate

Condividi

Condannato a 8 anni l’uomo d 69 anni che ha massacrato a bastonate e poi abbandonato accanto a un cassonetto dell’immondizia il cane Lucky trovato il 21 giugno scorso nel quartiere Q4 a Latina.  Dalle indagini sul cane ucciso è emerso un quadro familiare di violenze e abusi che andavano avanti da anni.

Il caso del cane Lucky aveva provocato una grande mobilitazione a Latina, preso a bastonate e poi abbandonato accanto a un cassonetto dell’immondizia in Q5 nel giugno 2018. Il giudice ha stabilito otto anni di carcere per abusi, violenza sessuale e uccisione di animale nei confronti del 69enne di Latina per la morte del cane e per aver maltrattato la sua famiglia.  Proprio dalle indagini sul cane ucciso è infatti emerso un quadro familiare di violenze e soprusi che andavano avanti da anni.

Maltrattamento degli animali, la proposta di legge del M5S

Animalisti in piazza per chiedere la riforma del Codice civile. “Da oggetti a soggetti”. VIDEO

L’avvocato difensore, Giovanni Codastefano, ha tentato di dimostrare l’incapacità di intendere e di volere dell’uomo, ma il perito incaricato dal giudice l’ha indicato come perfettamente consapevole di quanto accadeva. L’associazione Amici del Cane si è costituita come parte civile nel processo chiedendo un risarcimento di 50mila euro. La famiglia del 69enne non vive più a Latina ma in una località protetta.

Cimiteri per gli animali, le Marche approvano. Si anche alla cremazione

La morte violenta del dolce e piccolo Lucky ha conquistato il cuore di tantissime persone che si sono battute manifestando per chiedere che venisse fatta giustizia.

(Visited 200 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago