Attualità

Morta tartaruga rara dello Yangtze, restano solo 3 esemplari al mondo

Condividi

Animali. Morta una degli ultimi 4 esemplari rimasti al mondo di tartaruga dello Yangtze. Aveva 90 ed ha perso la vita, nello zoo di Suzhou, in Cina,  a 24 ore dall’ultimo di diversi tentativi di inseminazione artificiale. Si cercava di impedire l’estinzione della specie. Ora ne resta una nello stesso zoo e due in Vietnam.

Morta una tartaruga rarissima, della specie nota come tartaruga dal guscio molle gigante dello Yangtze (Rafetus swinhoei). Aveva 90 anni ed era una degli ultimi 4 esemplari della specie, rimasti nel mondo.

Tartaruga, oltre un quinto delle specie è a rischio estinzione

Plastica, rischi per le specie selvatiche. Dati Report WWF 2018

E’ accaduto in Cina, nello zoo di Suzhou, dopo esser stata sottoposta a diversi tentativi, tutti falliti, di inseminazione artificiale, operati dagli esperti dello zoo coadiuvati da esperti internazionali. L’ultimo dei quali avvenuto solo 24 ore prima della morte. La speranza era quella di impedire l’estinzione della specie.

Tartaruga Caretta caretta ritrovata morta, la bocca strabordante di plastica

Tartarughe Caretta caretta ingeriscono plastica. L’allarme continua lungo le nostre coste

Gli studiosi che se ne sono presi cura hanno riferito che subito dopo l’ultimo intervento le sue condizioni di salute erano buone, ma che poi si sono deteriorate molto velocemente fino alla morte. Stando a quanto riferito dal quotidiano cinese “Suzhou Daily”, gli  esperti avrebbero raccolto campioni di tessuto ovarico , archiviandoli “per uso futuro”.

Ora restano in vita solo tre esemplari della specie: una nello stesso zoo del sud della Cina e altri due in libertà in Vietnam.  A causare la loro progressiva estinzione è la caccia, la pesca intensiva e la distruzione del suo habitat.

(Visited 156 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago