Una tartaruga caretta caretta ferita da un amo e intrappolata nella plastica era stata salvata dal piccolo Gabriele su una spiaggia di Villaputzu, in Sardegna. Ma dopo esser stata sottoposta ad un intervento chirurgico, l’animale non è e riuscito a superare una crisi dovuta a un groviglio di lenza e plastica.

Era stata diffusa dal Corpo Forestale di Muravera la foto del piccolo Gabriele accanto alla tartaruga, quasi più grande di lui, avvolta nella plastica. Grazie alla segnalazione dei genitori, la tartaruga caretta caretta, è stata portata nella clinica veterinaria Due Mari, dove è stata sottoposta a un intervento chirurgico per la rimozione dell’amo conficcato nella bocca, con la supervisione di biologi e veterinari del Cres Oristano.

Tartaruga trascinata da un bagnante sulla riva per un selfie VIDEO

Ma la caretta caretta, nel corso dell’intervento, non è e riuscita a superare una crisi dovuta a un groviglio di lenza e plastica. Il materiale che l’animale aveva ingerito ha provocato un’occlusione intestinale che ha causato un’infezione mortale. Il decesso è sopraggiunto prima che i veterinari del CreS (Centro di recupero del Sinis) di Oristano, potessero intervenire con altro intervento chirurgico.

Tartaruga trovata morta: ancora un’altra vittima della plastica VIDEO

L’esemplare di circa 3 metri apparteneva alla specie caretta caretta, ed è un’altra vittima della contaminazione da plastica. L’animale, come succede anche ad altri, è attratto da questi materiali poiché li confonde coi banchi di meduse che sono il suo alimento principale.

Tartaruga ritrovata morta, la plastica in mare uccide ancora FOTO

Articolo precedenteClima, una targa in ricordo del primo ghiacciaio scomparso
Articolo successivoNatura. Gestione di 38 siti della Rete natura 2000 ai parchi regionali