RifiutiRoma

Monte Carnevale, partono i lavori per la discarica nella Valle Galeria: ma non basterà

Condividi

Al via i lavori a Monte Carnevale per la nuova discarica di Roma. Ma questa discarica non basterà, la città continuerà ad avere bisogno di altre soluzioni. I cittadini in rivolta. La discarica sorgerà in un’area da oltre 30 anni pattumiera di rifiuti della capitale.

Ruspe che si muovono, operai intenti a sistemare le recinzioni di un’area vastissima (135mila mq circa), camion che portano bagni chimici. Sono partiti i lavori per realizzare la discarica di Roma nella ex cava di proprietà della Ngr a Monte Carnevale, nella Valle Galeria.

Discarica Valle Galeria, protesta in Campidoglio. Raggi va sotto in Assemblea

Il progetto dell’impianto di smaltimento ancora non è stato depositato negli uffici competenti della Regione Lazio, un passaggio che si concretizzerà, secondo quanto apprende l’agenzia DIRE, entro la fine della prossima settimana.

Tuttavia, questo non impedisce alla società (partecipata per il 55% dalla Mad di Valter Lozza, già proprietaria delle discariche di Civitavecchia e Roccasecca) di cominciare ad allestire l’area di cantiere. Un via vai iniziato già’ da ieri, come testimoniato dai video postati su Facebook dai cittadini della Valle Galeria, terrorizzati dal probabile insediamento di una nuova discarica a un tiro di schioppo da Malagrotta, che per oltre 30 anni ha ricevuto i rifiuti di Roma.

Valle Galeria, pattumiera di Roma per 50 anni. Cittadini in piazza: “Basta discariche”

Valle Galeria, manifestazione dei cittadini contro la nuova discarica di Roma

Il tutto in un’area già gravata negli anni diverse servitù, alcune ancora attive (i due tmb di Malagrotta), alcune ferme (il gassificatore), altre chiuse (inceneritore di rifiuti ospedalieri e la raffineria) ma che nel tempo hanno inciso sull’ambiente e sulla salute dei cittadini, come ha certificato lo studio epidemiologico Eras del 2012.

Discarica Monte Carnevale, la rivolta M5S e dei cittadini: i motivi per dire NO al nuovo impianto

Non a caso, prima dei lavori sono partiti i ricorsi al Tar (tre depositati nei giorni scorsi) dei cittadini contro le due ordinanze del governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, la delibera della Giunta Raggi che il 31 dicembre ha individuato il sito di Monte Carnevale (ottemperando alla prima ordinanza di Zingaretti) per realizzare la discarica di Roma e tutte le procedure amministrative della conferenza dei servizi regionale che a dicembre (una settimana prima della delibera capitolina) aveva autorizzato quella cava per lo smaltimento di inerti e fanghi. Un via libera che, secondo i legali dei cittadini della Valle Galeria, ha costituito un “cavallo di Troia” per arrivare poi alla discarica di rifiuti urbani.

Valle Galeria, la “terra dei fuochi” romana. Ecco cosa sta succedendo

(Visited 173 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago