Scienza e Tecnologia

MONSANTO E GLIFOSATO, TUTTA LA VERITA’. VIDEO INCHIESTA

Condividi

Monsanto. Esiste un erbicida tossico chiamato “glifosato” che è alla base della quasi totalità degli erbicidi in ogni parte del mondo. Fu la Monsanto, il colosso agrochimico nordamericano, a commercializzarlo per prima nel 1974.

Da allora le vendite sono esplose e adesso compagnie di tutto il mondo vendono prodotti a base di glifosato. E’ un mercato da molti milioni di dollari, dal valore di 8 miliardi di euro all’anno. Tuttavia sta crescendo la consapevolezza pubblica  riguardo gli effetti  negativi del glifosato sugli ecosistemi, sulla flora, sugli insetti, sui mammiferi e su altre specie, incluso l’uomo.

In base a questo nel 2016 una campagna globale ha organizzato un tribunale popolare chiamato “Tribunale Internazionale a Monsanto” , che ha coinvolto 5 giudici e dozzine di testimoni e/o vittime da ogni parte del mondo. I testimoni dell’America Latina hanno mostrato come famiglie e bambini abitano presso aree agricole ad alto impiego di glifosato, abbiano sviluppato malattie croniche, malformazioni congenite e disturbi genetici. Riguardo le piante, pare che il glifosato possa condurre ad altri tipi di patologie, come il fungo “da morte istantanea” o le “super-weeds” , erbe infestanti perenni inestirpabili.

Per quanto riguarda gli animali, gli scienziati sostengono che il glifosato sia associato a malformazioni come arti aggiuntivi, ad un aumento delle malattie infettive o ad animali nati morti. Negli USA, migliaia di agricoltori hanno fatto causa a Monsanto con l’accusa  di aver sviluppato il cancro a causa dei prodotti agrochimici della compagnia. Ma Monsanto ha sempre negato, sostenendo al contrario che i propri prodotti fossero innocui  “come il sale”.

Nel video tutta l’inchiesta con le varie testimonianze e tutta la verità sui trucchi della MONSANTO da CONDIVIDERE.  

(Visited 283 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago