CulturaFashion

Moda, presentata la prima ecopelle interamente prodotta dai cactus

Condividi

Desserto, brand produttore di pelle, ha mostrato la sua pelle ecosostenibile derivante da piante di cactus. La scoperta potrebbe rivoluzionare il mondo della moda.

È difficile offrire un’alternativa vegana per la pelle senza ricorrere a materiali sintetici come la plastica. Desserto, brand di pelle del New Messico, ha scoperto come farlo grazie all’aiuto del nopal cactus. In questo modo è possibile creare una pelle organica che sia duratura e alla moda. Questa innovazione è la prima del suo genere e ha il potenziale per trasformare l’industria della pelle nella sua strada per la sostenibilità.

Ambiente, ecco la prima maglietta completamente biodegradabile VIDEO  

Adrian Lopez Velarde e Marte Cazarez hanno presentato Desserto per la prima volta un mese fa all’International Leather Fair Lineapelle. Il lancio del loro prodotto ha attirato l’attenzione di case di moda intenzionate a trovare soluzioni più sostenibili.


La pelle prodotta nelle loro piantagioni di cactus non solo è sostenibile ma anche biodegradabile, duratura e di alta qualità. Attualmente viene usata maggiormente per le valigie ma il materiale ha il potenziale per essere usata in altri prodotti di abbigliamento, accessori e anche interni delle macchine. Il prodotto è il risultato di più di due anni di ricerche, sviluppo e attenzione ai dettagli. Il cactus di pelle rispetta gli stessi standard richiesti per le industrie che utilizzano “pelle vera” e sintetica.

L’idea per Desserto è iniziata quando i fondatori si sono resi conto della crisi dovuta all’inquinamento di plastica. Il cactus nopal è stato scelto per la sua abbondanza in New Messico e perché non ha bisogno di acqua per crescere. Il cactus solitamente viene usato come mangime per il bestiame e può essere aggiunto ad una varietà di piatti.

Gli abitanti della zona conosco nopal come il “cactus dei fichi d’india”.

Desserto non vuole creare i prodotti da sé ma preferisce vendere la pelle a designers e brands per promuovere un’alternativa sostenibile.

Vans lancia una nuova collezione per salvaguardare l’ambiente

Molti prodotti di pelle vegana in commercio contengono materiali sintetici composti da agenti chimici tossici come bisfenolo A e ftalati. Il materiale più comunemente usati sono PVC o PU che nonostante siano la migliore soluzione alla “pelle vera” non sono biodegradabili e spesso finiscono nelle discariche causando danni alla fauna nel lungo periodo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

For a world free of animal cruelty 🌵🐄💚🌵 #pelledicactus #peta #desserto

Un post condiviso da DESSERTO (@desserto.pelle) in data:


È ancora meglio della “pelle vera”, perché far crescere il bestiame per la produzione di pelle è costoso e consuma una grande quantità di risorse oltre ad inquinare aria e suolo.

Plastica, arriva dal Messico un nuovo materiale ricavato dai cactus

Inoltre, dopo il processo di lavorazione i materiali organici che vengono da prodotti naturali non sono più biodegradabili a causa dell’esposizione ad agenti chimici come formaldeide e cromo

Il brand Desserto potrebbe valere miliardi di dollari nel 2025 e rivoluzionare il modo in cui si produce la pelle.

(Visited 118 times, 3 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago