Fashion&DesignRiciclo e Riuso

Moda, dalle buste di plastica può nascere uno splendido vestito da sera

Condividi

Kailey Schmitt è una designer di abiti statunitense che ha avuto l’idea di trasformare un mucchio di borse di plastica di target in uno splendido abito da sera.


Kailey Schmitt voleva farsi un vestito e non voleva comprare un mucchio di stoffa per farlo. Aveva già un sacco di sacchetti di plastica, quindi perché non utilizzarli per creare un abito da sera realizzato esclusivamente con le borse della spesa Target.

Moda, dal riciclo dei sacchetti di plastica nascono tessuti indossabili

L’idea era di creare un vestito prevalentemente bianco con accenti rossi, e le borse di Target le hanno dato proprio il tono di colore che cercava. Ha utilizzato un totale di 170 sacchetti di plastica per realizzare l’abito che poi è stato utilizzato per una campagna a favore del riciclo degli oggetti in plastica, con il beneplacito di Target a cui non è dispiaciuta questa pubblicità gratis.

Moda, in arrivo una serie di sneakers prodotte al 100% con plastica riciclata recuperata dagli oceani

“Ho iniziato questo progetto nell’aprile 2020, quando i negozi di tessuti sono stati chiusi a causa della pandemia di Coronavirus, spiega Kailey sul suo sito internet. ” Cucire con materiali non convenzionali non è una novità nel mondo di oggi, ma ero entusiasta di provarlo per uno dei miei primi (e più grandi finora) progetti di cucito con il mio design originale!”

(Visited 23 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago