Home Eventi Moda sostenibile, arriva nelle scuole grazie al progetto Smart&Heart Rome

Moda sostenibile, arriva nelle scuole grazie al progetto Smart&Heart Rome

moda sostenibile Smart&Heart Rome

L’evento “Young Fashion Talents” porta la moda sostenibile nelle scuole: abiti realizzati con materiali eco-sostenibili ma anche innovazione e tecnologia alla base del progetto Smart&Heart Rome.

Il progetto Smart&Heart Rome , realizzato da Fondazione Mondo Digitale in collaborazione con il Dipartimento Trasformazione Digitale di Roma Capitale, ha l’obiettivo di promuovere nelle periferie lo sviluppo delle competenze digitali per l’innovazione dei territori più disagiati.

Il progetto, che avrà durata tre anni, si realizza su sette Palestre dell’innovazione per contrastare la povertà educativa e ridurre le disuguaglianze nelle periferie più complesse della capitale.

E grazie a questo progetto la moda sostenibile arriva anche nelle scuole.

In uno dei laboratori digitali del progetto, infatti, è stato organizzato l’evento “Young Fashion Talents”, realizzato da Roma Capitale, nello specifico dal Presidente della XII CCP Turismo, Moda e Relazioni Internazionali, Mariano Angelucci, con il contributo dell’Accademia di Belle Arti di Roma, di Fondazione Mondo Digitale, e la partecipazione attiva di due istituti romani: il liceo Artistico Enzo Rossi e l’istituto Comprensivo “Via Poppea Sabina” due delle palestre dell’innovazione previste nel progetto Smart@Heart Rome.

L’evento ha visto sfilare modelle e modelli con abiti realizzati nell’ambito del Master in Fashion Studies della Sapienza Università di Roma grazie all’utilizzo di materiali eco sostenibili e con l’utilizzo di strumenti digitali ed innovativi. La scuola aperta il pomeriggio come punto di riferimento per il quartiere, evidenziando l’importanza di rendere la scuola un luogo di cultura da frequentare tutto il giorno.

Focus del progetto: le periferie al centro della città

Il progetto punta al concetto di “Città intelligente” sostenibile e digitale, con un modello capace di rendere le comunità che ne fanno parte attive, inclusive e responsabili.

Il progetto parte proprio dalle periferie, che vengono così “messe al centro” dell’attenzione pubblica di istituzioni e cittadini, affinché tutti possano godere del diritto a una formazione inclusiva e di qualità. L’obiettivo finale è quello di creare un nuovo ecosistema cittadino con soluzioni mirate, che rispondano alla complessità dei bisogni attraverso l’istruzione, l’educazione e la formazione per il lavoro.

 

Previous articlePichetto: “Price cap dinamico per gas”. Il punto su Piombino, nucleare e rinnovabili
Next articlePalazzo Chigi si illumina di rosso contro la violenza sulle donne