Consumo CriticoTerritorio

MODA, ECONOMIA CIRCOLARE E SOSTENIBILITA’ PROTAGONISTE A WHITE MILANO

Condividi

Moda. Sarà in occasione della prossima fashion week milanese (dal 19 al 25 febbraio) che White, il salone della moda contemporary, lancerà il “Green Project GIVE A FOK-us” per focalizzare l’attenzione sulla sostenibilità, innovazione ed economia circolare.

Al debutto anche due nuove sezioni Knit Lab e Lounge per confermare Milano ed il salone due appuntamenti irrinunciabili per il fashion internazionale.

“Proporre due nuove sezioni, una dedicata alla maglieria creativa e una all’homeweare – ha spiegato l’assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive, moda e Design, Cristina Tajani – conferma la vocazione di White a indagare, esplorare non solo nuovi potenziali mercati e opportunita’ di business per gli operatori ma, soprattutto, individuare nuovi linguaggi e declinazioni del mondo fashion, grazie allo stile e alla creativita’ dei designer che qui trovano l’occasione migliore per presentare le proprie collezioni ai principali buyer internazionali”.

Dal 22 al 25 febbraio White esporrà 514 brand, di cui 342 italiani e 172 esteri nelle quattro location di Tortona 27, Superstudio Più, Tortona 31, Opificio, Tortona 35, Hotel Nhow e Tortona 54, Ex Ansaldo Base.

In Tortona 27 e Superstudio Più debutterà l’area Knit Lab, dedicata al mondo della maglieria e delle sue declinazioni creative.

Presenza speciale dell’area, sarà il knitwear d’avanguardia del brand i-am-chen, fondato a Honk Kong dalla designer ZHI Chen nel 2017.

Nella stessa area troveremo anche l’istallazione di Paris Essex, in cui il knitwear supera i confini dell’estetica e delle lavorazioni tradizionali, per diventare la materia prima di creazioni ad alto tasso creativo.

Grande novità di questa edizione, sarà la Lounge Sphere, l’area che interpreta una delle nuove tendenze del mercato internazionale: l’homewear.

“White ha nel suo Dna la vocazione alla sperimentazione, capace di anticipare e cogliere i cambiamenti del fashion system – commenta Massimiliano Bizzi, founder di White Milano – per questo abbiamo pensato a un progetto innovativo come quello sulla moda sostenibile, che rappresenta anche un’importantissima possibilità per dialogare con le nuove generazioni di consumatori, sempre più attente alla tracciabilità del prodotto moda. E’ anche un’opportunità rivolta ai buyer, che possono rinnovare in maniera consapevole l’offerta degli store”.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago