Mobilità

Mobilità, la sindaca Appendino inaugura a Torino la prima “ciclostazione”

Condividi

La sindaca di Torino Chiara  Appendino ha inaugurato alla stazione ferroviaria di Porta Nuova  la prima “ciclostazione”, un luogo dove poter tenere in sicurezza e ricaricare le e-bike, ma troveranno spazio anche le semplici biciclette.

La nuova ciclostazione di Torino è finalmente conclusa e pronta ad essere inaugurata. Un lavoro iniziato nel 2016 che si è concluso da pochi giorni, come ha annunciato la sindaca Chiara Appendino su Facebook.


Essa si troverà a Porta Nuova, in centro a Torino, più precisamente tra la stazione ferroviaria e via Nizza. Inoltre, con l’apertura della ciclostazione, i ciclisti possono lasciare la loro bicicletta al sicuro in uno spazio apposito, insieme alle postazioni di ricarica per le e-bike. Inoltre si potrà trovare anche una ciclofficina disponibile per qualsiasi problema alla propria bicicletta.

Sostenibilità, l’Università di Harvard sceglie Torino come modello di Smart City

Il progetto è stato realizzato grazie a due grandi collaborazioni, con le risorse del collegato ambientale e con quelle di Grandi Stazioni.La ciclostazione è la prima della città ed è “cresciuta” in uno spazio recuperato in uno dei locali più storici e antichi di Porta Nuova.

È fatta. Con l’apertura ufficiale della prima ciclostazione di questo tipo in Italia, quella di Porta Nuova, completiamo un ulteriore tassello a favore della mobilità sostenibile, commenta la Sindaca Appendino su Facebook.

Mobilità sostenibile, accordo Bird-Trenitalia per i monopattini

Servirà una visione chiara e senza indugio per una Torino che sia un faro per la mobilità sostenibile. A tutela dell’efficienza della mobilità, della Città, della qualità dell’aria e… delle prossime generazioni. Grazie all’Assessora Maria Lapietra, a Grandi Stazioni, a tutte e tutti coloro che hanno reso possibile questo ulteriore obiettivo raggiunto.”

 

 

(Visited 34 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago