Mobilità

Mobilità, arrivano le colonnine di ricarica elettrica dal benzinaio

Condividi

Dopo Milano anche a Firenze ogni benzinaio dovrà per obbligo avere una colonnina di ricarica per le auto elettriche, un altro passo avanti verso la mobilità sostenibile.

Un nuovo passo in avanti verso la mobilità green. Dopo Milano anche Firenze avrà le colonnine di ricarica elettriche obbligatorie per ogni distributore di benzina. Succederà entro i prossimi tre anni, con la rivoluzione prevista dal “Piano per la qualità dell’aria 2021-2023”, firmato dall’assessora all’ambiente Cecilia Del Re.

Auto elettriche, la stima: entro il 2027 costeranno meno di quelle a benzina o diesel

Secondo la bozza del programma, che verrà presentato questa settimana, ogni stazione di servizio dovrà portare un progetto in Comune per l’elettrificazione entro il 2023. Dopo l’approvazione, si passerà all’effettiva realizzazione dei lavori, che dovranno essere completati entro un anno.

Le colonnine in arrivo nel capoluogo toscano, riporta Repubblica Firenze, dovrebbero essere abilitate alla ricarica veloce. I nuovi caricatori si aggiungeranno ai circa 400 già presenti in città, secondo i dati riportati nell’ultimo aggiornamento pubblicato sul sito ufficiale del Comune.

Vaticano, installate le prime colonne per le auto elettriche: la svolta green voluta dal Papa

Firenze non è comunque la prima città italiana a proporre l’obbligo delle colonnine dei benzinai. Capofila di quest’iniziativa è stata Milano, che ha approvato il suo Regolamento nel novembre scorso, dando il là a una battaglia legale per presunte criticità non considerate.

 

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago