A Monaco, in Germania, viene sperimentato il primo bus elettrico attivato a energia solare. Un futuro sostenibile per il trasporto pubblico.

Risparmiare carburante, ridurre le emissioni e ridurre l’inquinamento sono solo alcuni dei vantaggi dell’installazione di pannelli solari sugli autobus dei trasporti pubblici e la città di Monaco sta acquistando un biglietto per il futuro facendo proprio questo.

Fondata da un trio di amici tedeschi nel 2016, Sono Motors è diventata pubblica nel 2021, vendendo la sua auto a pannelli solari Sion, che è anche un sistema di accumulo di energia domestico.

Mobilità sostenibile, dal Pnrr 300 milioni per gli autobus elettrici

Ora, in collaborazione con la Munich Transport Company (MVG), un nuovo rimorchio per autobus solare arriverà presto sulle strade, trasportando passeggeri nelle operazioni quotidiane.

La tecnologia Sono Solar offre possibili risparmi, per autobus, fino a 2.500 litri di diesel all’anno e una riduzione di 6,5 tonnellate di CO2 locale.

Il rimorchio dell’autobus sarà trainato da un autobus convenzionale, per fornire capacità extra sulle rotte trafficate. Normalmente, questi enormi rimorchi sono alimentati da carburante diesel.

“In estate, quando l’aria condizionata è in pieno utilizzo, il rimorchio consuma più elettricità di quella che il veicolo trainante può fornire”, ha detto alla GNN un portavoce di Sono.

Mobilità, il futuro dei trasporti è tra le nuvole

I 20 moduli fotovoltaici sul tetto forniscono oltre 2.000 watt per alimentare la batteria del veicolo e carichi elettrici come riscaldamento e aria condizionata, nonché il sistema di sterzo del rimorchio.

“Oltre a risparmiare diesel, l’elettricità aggiuntiva assicura la stabilizzazione dell’approvvigionamento energetico della batteria, prolungandone così la durata e riducendo i costi di manutenzione”.

“Oltre a questo caso specifico, la Sono Motors Solar Technology può anche essere integrata nel bus stesso, per supportare la batteria ad alta tensione di un bus elettrico”.

Questa è la prima volta che i sistemi solari di Sono vengono utilizzati sui trasporti pubblici.

“Soprattutto in tempi di aumento dei prezzi dell’energia e aumento delle normative sulle emissioni nelle aree urbane, la nostra tecnologia solare offre un grande valore aggiunto per gli operatori del trasporto pubblico“, afferma Laurin Hahn, co-fondatore e CEO di Sono Motors.

Mobilità, pronto a partire il primo aereo di linea completamente elettrico

Per una flotta di medie dimensioni di circa 300 autobus, i calcoli mostrano la possibilità di risparmiare fino a 2.000 tonnellate di CO2 all’anno. Ulteriori aumenti sono ipotizzabili in futuro, poiché sia le celle solari che l’elettronica di potenza dovrebbero diventare più efficienti. Il cosiddetto “zaino di CO2” di questa soluzione solare, ovvero le emissioni causate durante la produzione, ammonta a una tantum di circa 1,5 tonnellate di CO2 per autobus o rimorchio e potrebbe essere compensato dopo un breve periodo di funzionamento di poco meno di un anno .

Articolo precedenteClima, attivisti bloccano la piazza centrale di Parigi
Articolo successivoAnimali, tanti auguri a Fatou: il gorilla più vecchio del mondo compie 65 anni