Breaking NewsRoma

MISS ITALIA, UNA RAGAZZA DI TARQUINIA SFILERA’ CON LA SUA PROTESI ALLA GAMBA

Condividi

Miss Italia. Chiara Bondi, una ragazza di 18 anni che frequenta il liceo classico a Tarquinia, sfilerà sul palco di Miss Italia con la sua protesi alla gamba sinistra: «Quando sei vicina alla morte capisci quanto sia bello vivere».

Chiara Bondi sfilerà sul palco di Miss Italia con la sua protesi alla gamba sinistra, amputata nel 2013 a seguito di un incidente stradale di cui è rimasta vittima con il suo motorino. La ragazza, 18 anni da compiere a settembre, ha chiesto a Patrizia Mirigliani di poter partecipare al concorso di bellezza più sognato di sempre, Miss Italia.  La patron le ha accordato il permesso: “Chiara è un simbolo importante di speranza e di rinascita, una bellezza senza confini e la disabilità, in questo caso sinonimo di una femminilità ferita e riscattata”.

Chiara non considera la disabilità un limite e per quanto riguarda la scelta di partecipare alle selezioni di Miss Italia spiega:  “Si partecipa ad un concorso di bellezza per vincere ma il mio obiettivo è dare un messaggio ai giovani affinché sappiano . Faccio la barista part time: ci tenevo a fare questa esperienza, così comincio a riempire il curriculum: per adesso sono specializzata nei caffè corretti!”- racconta- “Dopo l’incidente ho cominciato a fare cose incredibili, che “prima” non immaginavo: ho fatto arrampicata, ho preso il brevetto da sub, ho giocato nella nazionale di sitting volley e a basket in carrozzina, ho fatto windsurf e snowboard”.

Chiara ha scelto di andare avanti, di riprendersi in mano la sua vita e di sorridere.  Patrizia Mirigliani ammette: «È una bella ragazza, è alta un metro e 75, ha la vita stretta. Userà la protesi, e allora? Si parla tanto di corpi delle donne: bene, nella vita reale ci sono anche corpi feriti, che possono essere bellissimi».

Speriamo che il suo esempio di forza e bellezza venga premiato e Chiara passi le selezioni! Facciamo il tifo per te! In bocca la lupo.

 

(Visited 255 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago