Attualità

IL MINISTERO DELL’AMBIENTE SARA’ IL PRIMO “PLASTIC FREE”

Condividi

Il Ministero dell’Ambiente sarà il primo “Plastic Free”. Con un video del tutto informale sulla sua pagina facebook, il neo Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, annuncia una rivoluzione all’interno del Ministero.

“Sono passati sette giorni da quando ho giurato, da quando sono al ministero dell’Ambiente: tante emozioni – dice Costa – e tanto lavoro”.

Il neo Ministro, si rivolge direttamente agli italiani informandoli del suo operato e delle sue prossime mosse, spiegando che si è subito messo al lavoro incontrando i direttori generali del ministero dell’Ambiente per fare il punto della situazione e per partire.

Ribadisce poi uno dei concetti già espressi nei giorni scorsi: tra i suoi primi atti, la Terra dei Fuochi (dove il ministro, da comandante della Forestale in Campania, ha scoperto le discariche di rifiuti tossici della camorra).

“Ho nel cuore – spiega Costa – e uno dei miei primi atti sarà quello di guardare alla ‘terra dei fuochi’ con un’ulteriore attenzione”.

Poi, sottolinea: “il caso ha voluto che in questa settimana ci fosse la giornata mondiale dell’ambiente” e, quindi, “il ministero dell’Ambiente sarà il primo d’Italia ‘plastic free’. Già da subito stiamo liberando il ministero dalle plastiche”.

Nella Giornata mondiale degli Oceani, Costa rivolge un invito a tutti i cittadini : “ora che iniziano le vacanze, ognuno di voi, cortesemente, raccolga pezzi di plastica che qualche scellerato ha gettato e li metta nella differenziata. Ripuliamo il mondo assieme, proviamoci fino in fondo perchè 60 milioni di italiani sono 60 milioni di pezzi di plastica in meno. Vedrete i primi atti che andranno in questa direzione”.

(Visited 164 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago