ClimaEventi

Milano, 50 globi esposti a Piazza Duomo per sensibilizzare sul tema delle plastiche inquinanti

Condividi

50 globi esposti nell’anteprima di piazza Duomo, tra i cento in via di realizzazione, saranno ciascuno messaggero delle più stringenti e significative tematiche e degli obiettivi di sviluppo sostenibile dettati dall’ Agenda Onu 2030. In anteprima le opere della manifestazione “Weplanet-100 globi per un futuro sostenibile”.

Si inaugura a Milano sabato 3 Aprile in Piazza del Duomo l’esposizione open air delle prime 50 opere di Weplanet-100 globi per un futuro sostenibile, manifestazione organizzata dall’Associazione WePlanet, in collaborazione con Gruppo Mondadori, per sensibilizzare e raccogliere fondi a favore dell’ambiente e della salute dei cittadini contribuendo al raggiungimento dei 17 Global Goals delle Nazioni Unite (SDGs -Nazioni Unite).

La mostra, anteprima della kermesse ufficiale che si svolgerà dal 27 Agosto al 7 Novembre 2021 nelle principali vie e piazze del capoluogo lombardo e di altre città nel Paese, rimarrà visibile fino al 5 Aprile. Le opere sono ‘adottate’ da mecenati il cui logo compare sulla targa posizionata alla base di ogni globo, insieme al titolo, al nome
dell’autore e all’impegno sostenibile dell’azienda.

AWorld prende parte a #Beegreen, il progetto che darà vita a Milano al più grande apiario urbano in Italia

I globi, prodotti in plastica riciclata, sono ideati e realizzati da giovani artisti dell’Accademia delle Belle Arti di Brera e da artisti e designer famosi che hanno interpretato tematiche e valori della sostenibilità utilizzando come tela il grande supporto sferico. Un viaggio in un universo creativo e visionario che vede trasformarsi i globi in opere artistiche originali e inaspettate.

Globi come mani di carta che si uniscono ed intrecciano attraverso deserti ed oceani, come alveare che crea un nido dove ognuno opera per l’altro, come prigione dei popoli se la natura si imprigiona, come ritorno alle origini di una sola grande isola felice, come orto dove coltivare ogni giorno, come simbolo dell’albero della vita, globo come pane, perla, radici.

Milano, un’enorme peonia come murale mangia smog dedicato alla rinascita della natura

Diversi i nomi noti che hanno aderito all’iniziativa: fra questi i designer Giulio Cappellini e Antonio Facco che firmano l’installazione “Milano è bella” dedicata alla città, e Michele De Lucchi, coautore di “Pangea Mondo Cucito”, globo ispirato alla teoria della tettonica a placche realizzato in collaborazione con i ragazzi della onlus iSemprevivi. Terminata l’iniziativa, i 100 globi saranno battuti ad un’asta benefica organizzata da Sotheby’s e il ricavato sara’ devoluto a ForestaMi, in particolare all’associazione Parco Segantini Onlus, all’ospedale Niguarda e alla Fondazione Umberto Veronesi per la ricerca scientifica d’eccellenza contro i tumori, e alla Fondazione Arca Onlus che opera a sostegno dei poveri per l’assistenza e l’ integrazione. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Weplanet Milano 2021 (@weplanet.milano)

Oltre a Milano, altri globi dell’evento “Weplanet- 100 globi per un futuro sostenibile” saranno ospitati a Firenze nell’ambito del progetto green Travel and Joy ideato da Federica Borghi e prodotto da Icons Production, con il patrocinio del Comune di Firenze e la Regione Toscana e gli enti museali locali.

(Visited 29 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago