Cultura

I migliori film e serie tv a tema ambientale da non perdere

Condividi

La maggior parte dei film e delle serie tv di successo degli ultimi anni appartengono principalmente alle categorie di giallo, crimine fantasy e mistero. Ma cosa rimane per quelli come noi appassionati d’ambiente? Ecco i 10 migliori fime/serie tv che non potete assolutamente perdervi.

Educare, informare e sensibilizzare sulle principali tematiche ambientali del nostro tempo passa anche dai film e, più recentemente, dalle serie tv.

Ecco 10 film/serie tv da segnare e vedere:

Film a tema ambientale

1) WALL-E (CARTONE ANIMATO) 2009

Il modo migliore per sensibilizzare la famiglia sui temi ecologici è sicuramente guardare tutti insieme un bel film d’ animazione sull’ambiente come Wall-E. Lungometraggio di animazione Pixar del 2008, Wall-E racconta la toccante storia d’amore tra un robottino terrestre e un automa ad alta tecnologia proveniente dallo spazio. Su un pianeta Terra ormai disabitato a causa dell’eccessivo inquinamento, il robot Wall-E svolge con dedizione quello che è il suo lavoro da ormai settecento anni: accumulare e compattare i rifiuti. A spezzare la sua secolare solitudine, arriverà, dal cielo, un robot sonda di sesso femminile, EVE, con la quale Wall-E vivrà un’avventura incredibile, capace di cambiare le sorti dell’umanità.

2) LA QUINTA STAGIONE (film francese, fiammingo) 2012

E se la primavera non arrivasse e il ciclo della natura fosse sconvolto lasciando l’uomo in balia delle sue paure più primitive? In questo film, la Natura si ribella all’uomo e smette di prendersene cura, non dà più i frutti, le api muoiono, le mucche non danno latte. L’uomo finisce col perdere definitivamente la propria umanità. Inquietante, spaventosamente realistico.

3) QUALCOSA DI STRAORDINARIO 2012

Film americano diretto da Ken Kwapis, racconta di una spedizione per liberare alcune balene grigie intrappolate in un buco nel ghiaccio al Circolo Polare Artico, in Alaska. La vera spedizione avvenne nel 1988 ed è narrata nel libro “Freeing the Whales“del giornalista Tom Rose. Interpretato da Drew Barrymore, John Krasinski e Kristen Bell, è un film che accenna al problema dello scioglimento dei ghiacciai, dell’inquinamento degli oceani e della necessità di salvare le specie a rischio estinzione per difendere la biodiversità della Terra.

4)THE DAY AFTER TOMORROW 2004

New York, gli avvertimenti del climatologo Jack Hall (Dennis Quaid) riguardo al preoccupante rallentamento della Corrente del Golfo vengono ignorati e la Terra cade vittima di tempeste devastanti, enormi tornado e una repentina era glaciale. Un disaster movie dagli incredibili effetti speciali, capace di coinvolgere lo spettatore a 360° senza, però, perdersi per strada la tematica ambientalista.

“L’invasione del cibo spazzatura”, il documentario che racconta cosa c’è dentro un cordon bleu

5)UN POSTO SICURO 2015

Parla dell’amianto e del caso Eternit di Casale Monferrato (Alessandria). Diretto da Francesco Ghiaccio, racconta di un figlio (Luca) e di un padre (Eduardo), lontani all’apparenza, che si ritrovano nel mesotelioma di Eduardo, il tumore causato dall’esposizione all’amianto, contratto in fabbrica. Come la polvere, elemento che caratterizza la vita di chi entra in contatto con l’amianto, anche questo film è grigio, sottile e penetra nei vestiti e nei polmoni. E ha il sapore della rabbia e del dolore. Anche per il processo legale che è seguito.

6) AVATAR 2009

Avatar è ambientato su Pandora, una luna del sistema stellare Alpha Centauri, con un ambiente molto simile a quello terrestre e la presenza di un minerale rarissimo ma fondamentale per la risoluzione della crisi energetica: l’Unobtainium. Nel 2154, a trent’anni dalla fondazione della prima colonia mineraria su Pandora, fa il suo arrivo sul pianeta Jake Sully (Sam Worthington), militare disabile destinato a diventare la guida del Programma Avatar; gli Avatar sono corpi modificati geneticamente per assomigliare agli indigeni Na’vi attraverso i quali, gli esseri umani, possono muoversi liberamente sul territorio alieno. La presenza invasiva dell’uomo, però, porterà presto ad accesi scontri tra le due razze dando vita a una guerra tra tecnologia e natura.

7) IL NOSTRO PIANETA (DOCUMENTARIO NETFLIX)

L’intenzione dichiarata del ‘Nostro pianeta’ è quella di consentire agli spettatori “di sperimentare la bellezza del nostro pianeta e scoprire l‘impatto che i cambiamenti climatici stanno avendo su tutte le creature viventi”: un tema più che mai attuale e non certo inedito per i documentari naturalistici di Bbc, ma che in questo caso è messo in evidenza in modo ancora più esplicito.

Addio a Cecilia Mangini, la prima documentarista donna in Italia

Serie tv a tema ambientale

1)SNOWPIECER

La trama inizia con gli effetti catastrofici di un cambiamento improvviso del clima. Nel 2021 (saremmo vicini a questa catastrofe ambientale) il mondo si sveglia ricoperto di ghiaccio, in seguito a un esperimento per risolvere il problema del surriscaldamento climatico finito però in modo negativo. I sopravvissuti si ritrovano su un treno a movimento perpetuo. Della serie Snowpierecer, nata da una graphic novel, esiste anche una versione cinematografica del 2013 con Chris Evans.

2)RAGNAROK

In questa serie ambientata in Norvegia la sensibilità per i problemi ambientali è più forte che altrove, si parla continuamente degli effetti negativi che la Jutul Industries ha sulla natura.

3)CHERNOBYL

Critici e series addicted l’hanno definita una delle più belle serie storiche dell’ultimo anno. Fedele alla storia, lo scoppio del reattore n°4 della centrale nucleare di Chernobyl in Ucraina, la docuserie ci aiuta a capire meglio la storia e quali siano le conseguenze di quel disastro ambientale avvenuto nel 1987.

Di Beatrice Soverini

(Visited 74 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago