Scienza e Tecnologia

Microsoft, il computer planetario a tutela dell’ambiente

Condividi

“Proteggere e mantenere la biodiversità della Terra non è importante solo per le milioni di specie di animali che la abitano ma per il futuro dell’umanità stessa”. Le parole del presidente di Microsoft, Brad Smith, che annuncia una nuova piattaforma per l’ambiente, un “computer planetario” per aiutare governi e aziende.

In vista della Giornata della Terra che ricorre il 22 aprile, Microsoft ha svelato una piattaforma basata sull’intelligenza artificiale, chiamata Planetary Computer, che serve ad aggregare e analizzare i dati ambientali provenienti da tutto il mondo.

Lo scopo è aiutare governi, organizzazioni e aziende nello sviluppo e implementazione di progetti in grado di promuovere la sostenibilità e la tutela dell’ambiente. L’iniziativa rientra nell’ambito di AI for Earth, il programma internazionale di Microsoft per sostenere persone ed enti nell’affrontare le sfide ambientali.

Coronavirus, può l’Intelligenza Artificiale contribuire a fermare il contagio? VIDEO

Il presidente Brad Smith di Microsoft spiega di adottare “quattro principi” come guida per l’azione volta a raggiungere gli obiettivi sulla biodiversità: mettere al lavoro i dati e la tecnologia digitale con il “Computer Planetario” per fotografare e comprendere la realtà; e rendere questa tecnologia al servizio di partner e clienti per aiutarli a prendere decisioni in ambito ambientale.

L’intelligenza Artificiale ci salverà dai cambiamenti climatici?

Intelligenza Artificiale, Microsoft investe 1 miliardo di dollari in OpenAI di Elon Musk

Microsoft si impegna a farsi sentire “su questioni di politica pubblica legate agli ecosistemi“, sostenendo e patrocinando iniziative sulla gestione degli ecosistemi a livello nazionale e globale, e ad assumersi la responsabilità dell’impatto ambientale delle sue operazioni dirette, “proteggendo più terra di quella che utilizziamo entro il 2025”.

(Visited 110 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago