Microplastiche scambiate per cibo: i coralli rischiano l’estinzione

Un team di ricerca ha scoperto che alcuni coralli si stanno nutrendo delle piccole particelle di plastica. Peggio ancora, gli animali preferiscono le microplastiche al cibo naturale, anche quando portano con sé batteri che potrebbero ucciderli.

Questo nuovo studio, pubblicato nel pamphlet Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences, si focalizza su una specie di coralli che vive nelle acque temperate al largo di Rhode Island, un tipo che forma colonie non più grandi di un pugno umano, ma i ricercatori dicono che questa scoperta potrebbe riguardare anche i più conosciuti coralli delle enormi barriere delle zone tropicali.

Lo studio si aggiunge alle recenti ricerche che hanno mostrato come le particelle di microplastica si trovino ormai in tutti gli ambienti naturali, dalle vette delle montagne alle profondità oceaniche. Molte specie animali, dai pesci agli uccelli, sono ormai abituati a ingerire piccoli pezzi di plastica. Così come gli umani, attraverso l’acqua e il cibo.

Quando il biologo Randi Rotjan della Boston University, che ha guidato questa ricerca, ha iniziato a lavorare sugli ecosistemi marini, non si aspettava di doversi focalizzare sulla plastica. Era semplicemente entusiasta di poter studiare i coralli e, come ha raccontato, “avere una conversazione con la natura”

Mare, sos pesci: non crescono perchè si nutrono di microplastica

“Purtroppo la plastica continuava a interrompere questa conversazione, ed è diventata impossibile da ignorare”, ha detto la Rotjan. “Scegli un qualsiasi ecosistema, scegli un microrganismo, e quasi sicuramente ci troverai plastica”.

Rotjan e i suoi colleghi hanno raccolto quattro colonie di Astrangia Paculata , un piccolo corallo che vive al largo delle coste atlantiche americane, dal Massachusetts al Golfo del Messico. Hanno scelto come sito di studio le coste del Rhode Island perché era il più vicino a un insediamento urbano – Providence dista solo 24 miglia – e quindi ci si aspettava che l’acqua in quella zona presentasse tracce di inquinamento plastico.

Tornati ai laboratori i ricercatori hanno aperto i coralli per controllare la quantità di microplastica presente negli organismi. Hanno trovato più di 100 piccole fibre in ogni protuberanza.

Il team ha anche svolto altri test. Hanno posto vicino a un corallo cresciuto in laboratorio sia dei pallini di microplastica blu fosforescente che uova di gamberetto, il cibo naturale dei coralli.

Grande Barriera Corallina, rinascita o lenta morte? Tutta la verità

Ogni singolo corallo a cui è stata data questa scelta ha mangiato il doppio delle microplastiche rispetto alle uova. Dopo che si sono riempiti lo stomaco con i pallini plastici, che non hanno assolutamente valore nutritivo, hanno smesso di mangiare anche le uova.

“Sono sconvolta dai risultati” ha detto la coautrice della ricerca Jessica Carilli “Non stanno mangiando passivamente qualsiasi particella galleggia loro intorno…. Preferiscono la plastica al cibo reale”

Microplastiche, mangiamo almeno 50mila particelle ogni anno

In un secondo esperimento, i ricercatori hanno inserito i pallini di plastica in acqua marina per ricoprirli di biofim – uno strato impercettibile di batteri. Nell’oceano, spiega la biologa Koty Sharp, la maggior parte delle microplastiche è ricoperta di batteri. I ricercatori hanno riempito il biofim con il batterio intestinale più comune, l’ E. coli, tingendolo di verde per poter essere tracciato negli organismi.

Non più di 48 ore dopo aver ingoiato le microplastiche, i coralli le hanno sputate fuori. Ma nonostante ciò il batterio rimaneva nelle loro cavità digestive. Tutti i coralli che hanno ingerito l’ E. coli sono morte entro due settimane.

Anche se l’ E. coli non è molto comune nell’oceano, ci sono moltissimi altri microbi che tendono a raccogliersi sulle microplastiche dai più nocivi agli innocui. Gli studi sugli effetti di questi organismi sulle specie marine sono attualmente in corso in tutto il mondo.

Altri coralli potrebbero non rispondere allo stesso modo alle microplastiche e ai batteri che trasportano; al momento lo studio di Rotjam ha riguardato solo una specie, ma in ogni caso i risultati sono molto al momento molto preoccupanti.

“Sono terrorizzata da come stiamo distruggendo i nostri oceani”, ha raccontato la Rotjan. “Spero che la mia ricerca diventi una spinta ulteriore per cambiare i nostri comportamenti”.

Microplastiche nelle pance dei pesci, anche in quelli di lago

 

(Visited 85 times, 1 visits today)

Leggi anche

Call Now ButtonDiventa Green!