Mezzi pubblici gratis a Lussemburgo. E in Italia cambia il prezzo del biglietto

Lussemburgo sarà il primo paese al mondo a rendere gratuiti tutti i suoi trasporti pubblici.  Ad annunciarlo il primo ministro, Xavier Bettel. A Milano invece da luglio il biglietto non sarà più valido solo per una singola corsa.

Entro la prossima estate verranno eliminati tutti i biglietti da treni, tram e autobus: succede a Lussemburgo, destinato a diventare il primo paese al mondo a rendere gratuiti tutti i suoi trasporti pubblici.  Il primo ministro Xavier Bettel, a capo di un governo di coalizione, afferma che l’obiettivo è quello di ridurre l’enorme  traffico della città e di agevolare i 400.000 pendolari che ogni giorno si riversano sulle sue strade.

Autobus gratis in Estonia, un modello da seguire

Smog, trasporti pubblici gratis. La proposta arriva dalla Germania

I biglietti dei trasporti sono già decisamente economici:  un biglietto di due ore costa solo 2 euro e  consente di muoversi in tutti gli angoli del paese.  Da quest’anno è già attivo il trasporto pubblico gratuito per i minori di 20 anni, e tutti gli studenti delle scuole lussemburghesi sono esentati dal pagamento del biglietto. La misura ha già raccolto il consenso di stampa e utenti che sui social network hanno espresso tutto il proprio favore.

Plastica, bottiglie in cambio di biglietti metro

E in Italia?

Intanto  a Milano da luglio il ticket potrà essere pluritimbrato nell’arco dei 90 minuti di validità,  regola che vale per bus e tram, dove conterà solo la validità temporale a partire dalla prima vidimazione.  Aumenta però il prezzo della corsa singola: da 1,50 a 2 euro.  Ad annunciare la novità è stato Marco Granelli, assessore comunale alla Mobilità di Milano. Cambia anche il prezzo del carnet da 10 viaggi: 13,80 euro, e potrà essere usato non solo da chi lo ha acquistato ma anche dai suoi compagni di viaggio.  Anche il prezzo aumento, un servizio efficiente e puntuale e la possibilità di sfruttare più volte lo stesso biglietto, sicuramente rappresentano un  incentivo a utilizzare i mezzi pubblici, usare meno l’auto e spingere verso una mobilità sostenibile.

E a Roma invece? Sarebbe possibile rendere i trasporti gratuiti?

Mezzi pubblici gratis, la proposta della Germania. Ma a Roma è possibile?

Un problema per avviare questo cambiamento necessario risiede nei comportamenti. E se un servizio di bike sharing, blocca i noleggi per troppi danni subiti ci da l’idea di quanta strada l’Italia ancora debba fare per meritarsi un posto di rilievo nel mondo.

Obike, un nuovo cimitero di bici abbandonate

Bike sharing, il futuro della mobilità sostenibile saluta l’Italia

 

(Visited 119 times, 1 visits today)

Leggi anche

Diretta Live
Diventa Green!