Home Roma Rendere i mezzi di trasporto di Roma più sicuri: il nuovo Policy...

Rendere i mezzi di trasporto di Roma più sicuri: il nuovo Policy hackathon di GenQ e Needs

roma hackaton genq needs

Appuntamento previsto per l’1 e il 2 aprile presso la Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma (Piazzale Stazione Tiburtina).

Uno studio condotto in Italia tra aprile e luglio 2021 da “Road to 50%”, finalizzato a misurare la sicurezza delle donne sui mezzi pubblici, ha messo in luce come 7 donne su 10 abbiano dichiarato di aver subito molestie, un valore pari al 70% contro un 7,7% maschile. Infine, durante la COP26 – la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, tenutasi a Glasgow nel 2021 – è stato attenzionato come anche i trasporti non siano gender equal.

Dunque, per cercare di risolvere un divario di genere oggettivamente esistente anche nella mobilità pubblica, GenQ – realtà no profit impegnata nell’affermazione della gender equality e di una consapevolezza intorno al tema di Diversity and Inclusion (D&I) – in collaborazione con Needs, associazione di rappresentanza di startup e imprese di servizi 2.0, lancia il nuovo Policy hackathon.

Appuntamento sabato 1 e domenica 2 aprile 2023, dalle 9:00 alle 18:00, presso la Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma (Piazzale Stazione Tiburtina).

La sfida del Policy hackathon: l’elaborazione di una policy per una mobilità più sicura

L’iniziativa è aperta a tutti coloro che vogliano mettersi in gioco nell’elaborare una policy, che sia capace di rendere più sicuri i mezzi di trasporto della città, dunque treni, autobus, pullman e metropolitane. Nel corso dell’evento, i 28 partecipanti avranno modo di assistere a una vera e propria lezione dedicata alla creazione di policy – e curata da esperti del settore – che permetterà loro di avere le basi necessarie per elaborare una valida proposta. Inoltre, verrà affrontato un approfondimento di scenario, che consentirà loro di avere una visione della situazione dei mezzi di trasporto e del livello di sicurezza nella capitale.

Dopo una fase di formazione iniziale, dunque, saranno costituiti 4 team di 7 persone ciascuno: ogni gruppo, infatti, avrà a disposizione un mentor, che fungerà da supporto per tutta la durata dell’evento. Grazie alla conformazione della Casa delle Tecnologie Emergenti, costruito da Roma Capitale e il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) come un living lab all’interno del quale svolgere attività di formazione e innovazione, ai partecipanti verrà suggerito un momento di confronto complessivo: questo permetterà di valorizzare la collaborazione come acceleratore di proposte innovative.

A conclusione dell’evento, giudicherà i progetti una commissione di esperti così composta: Luca de Angelis, Esperto per l’innovazione del Ministero delle Imprese e del Made in Italy; Michela Cicculli, Presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e Riccardo Carbucci, Presidente della Commissione Innovazione e Consigliere Comunale di Roma. La policy vincitrice sarà portata avanti dai rappresentanti politici coinvolti nell’iniziativa, in modo che possa avere una concreta attuazione.

“GenQ ha sempre avuto come obiettivo quello di affermare la cultura della diversità e dell’inclusione: quando abbiamo letto dei dati sulla sicurezza delle donne nell’ambito dei trasporti, abbiamo deciso di iniziare una progettualità, grazie alla preziosa collaborazione di partner come Needs e il Comune di Roma – commenta Giulia Sironi, co-founder ed event manager di GenQ – Procediamo a piccoli passi, cercando di creare opportunità concrete per i giovani, per dare loro modo di mettersi in gioco, cogliere le sfide che la società impone e proporre soluzioni. Il Policy hackathon è un’occasione davvero importante, perché in palio c’è la reale possibilità di dare attuazione a una regolamentazione che renda più sicuri i trasporti della città di Roma. Non vediamo l’ora di vivere queste giornate e di respirare quel clima di parità, uguaglianza, collaborazione ed entusiasmo che promuoviamo in tutti i nostri eventi”.

Per saperne di più e per iscriversi qui

L’evento è organizzato con il Patrocinio di Roma Capitale.