Roma

METRO C, APRE FINALMENTE LA STAZIONE “MUSEO” DI SAN GIOVANNI

Condividi

Metro C, il 12 maggio apre la stazione “museo” di San Giovanni. La tanto attesa apertura della stazione San Giovanni della Metro C, ha finalmente una data: il 12 Maggio .

Con la prima stazione museo – ha spiegato la Sindaca capitolina, Virginia Raggi – Roma diventa punto di riferimento a livello internazionale. I cittadini potranno valersi di un nuovo punto di congiunzione tra due linee metropolitane, un nodo di scambio fondamentale che produrrà benefici in termini di collegamenti. Una linea che dalla periferia arrivi sino in centro. I cittadini chiedono di proseguire nella progettazione e realizzazione della metro C e l’Amministrazione vuole dare risposte per migliorare il servizio di trasporto pubblico e ridurre l’impatto del traffico.

Ad oggi, spiega in un comunicato il Comune di Roma, circa 40mila persone utilizzano la tratta Lodi-Pantano, con la nuova stazione metro di San Giovanni si stimano circa 50-60mila utenti al giorno per poi arrivare, in una seconda fase, a 100mila passeggeri.

Con la stazione di  San Giovanni aumentano i collegamenti del quadrante con importanti destinazioni del Centro e dei quadranti Sud Est e Ovest della Capitale, grazie alla connessione con numerose linee del trasporto di superficie, che transitano o effettuano capolinea in prossimità della metro.

Con l’apertura della nuova stazione – ha spiegato l’Assessore alla Città in Movimento, Linda Meleo – si avranno modifiche alla rete di superficie per rendere i collegamenti più capillari. Sarà istituita anche una nuova linea bus a carattere tangenziale tra il nodo di interscambio San Giovanni metro A/metro C e il nodo di interscambio metro ferroviario Piramide/Ostiense. Per il futuro della terza linea Roma Metropolitane ha elaborato uno studio preliminare in cui sono elencati i possibili modelli da realizzare nell’ansa barocca della città, mettendo a confronto le alternative progettuali della tratta che attraversa il centro storico, facendo una stima dei vantaggi.

Ma non è tutto. Nei piani dell’Amministrazione capitolina, la linea C proseguirà fino a compimento della tratta T2, dai Fori Imperiali a piazza Mazzini e andrà anche oltre fino ad arrivare a Farnesina.

La tratta fino a Clodio-Mazzini – ha evidenziato il presidente della Commissione Mobilità, Enrico Stefàno – è stata l’opera infrastrutturale più votata sul sito del Piano urbano della mobilità sostenibile. I cittadini – ha aggiunto Stefàno – chiedono maggiori opere su ferro, dai tram alle metropolitane, e volontà dell’Amministrazione è proseguire con la metro C, individuando una stazione intermedia nel Centro storico, per dare più spazio al trasporto pubblico, aumentando la vivibilità dei quartieri.

 

Lo studio preliminare. Il primo progetto elaborato da Roma Metropolitane ha indicato due modelli possibili:

  • 4 stazioni(San Pietro, Chiesa Nuova, Argentina e Piazza Venezia);
  • 3 stazioni(San Pietro, Navona e Venezia)

Gli obiettivi si concretizzano in:

  • Realizzazione di almeno una stazione intermedia tra quelle previste di Venezia e San Pietro;
  • Limitazione degli impatti archeologici e dei cantieri, puntando sulla realizzazione di stazioni e impianti di risalita concentrati in 1-2 pozzi verticali;
  •   Ricerca di soluzioni che favoriscano un più rapido smaltimento del flusso passeggeri.

 

Tempi e costi. Lo studio preliminare, elaborato da Roma Metropolitane, per la tratta T2 (Fori Imperiali-Clodio Mazzini), individuerà nuove soluzioni progettuali attraverso l’elaborazione di un progetto di fattibilità redatto ai sensi del D.Lgs n 50/2016. Dal momento dell’affidamento delle attività, i tempi stimati per la stesura e approvazione sono di circa 24 mesi. I costi stimati per le attività preliminari di progettazione e di indagine archeologica ammontano a circa 1,6 milioni. L’adozione di scelte progettuali definitive non potrà prescindere dall’esecuzione di indagini archeologiche, che interesseranno i luoghi dove saranno costruite le stazioni e le gallerie della tratta.

 

(Visited 238 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago