Meteo, arriva Hannibal. Afa e caldo per tutta la settimana

Hannibal, l’anticlone proveniente dall’Africa del Nord, sta già colpendo l’Italia. Ecco quali saranno le città più calde e come combatterlo.

Sole e caldo per tutta la settimana. Hannibal, l’anticiclone proveniente dall’Africa del Nord, porterà in Italia la prima ondata di afa del 2022.

Da domani a sabato, il termometro potrebbe raggiungere picchi di 32 o 33 gradi centigradi durante le ore centrali della giornata. Le temperature minime potrebbero segnare, invece, tra i 17 e i 20 gradi centigradi.

Di certo, questa condizione termica non è tipica di metà maggio, bensì della seconda decade di giugno. In questo periodo dell’anno, le colonnine di mercurio si fermano, infatti, tra i 20 e i 24 gradi.

Quali saranno le città più calde a causa di Hannibal?

Saranno soprattutto Torino, Milano e Bologna le tre città a boccheggiare a causa di Hannibal. Le temperature più roventi si raggiungeranno anche nei settori tirrenici di Toscana e Lazio. La calura sarà accompagnata oltretutto da elevati tassi di umidità.

Come combattere Hannibal?

Sono acqua, cibi freschi e indumenti a strati le uniche armi per combattere Hannibal. Le persone più golose possono pranzare (o cenare) con un gelato, magari artigianale.

Eppure, a causa della guerra in Ucraina, il prezzo del dolce tipico dell’estate è aumentato del 10% rispetto al passato. Ad affermarlo è stata la Coldiretti dopo avere analizzato gli ultimi dati ISTAT su uno dei prodotti più amati da italiani e stranieri.

A essere aumentati, secondo l’associazione di rappresentanza dell’agricoltura italiana, sono i costi per l’energia e le materie prime usate nelle preparazioni. Tra queste ultime, ci sono lo zucchero (+6%), il latte (+7%) e le uova (+ 9%).

Secondo la Coldiretti, il conflitto tra Ucraina e Russia sta penalizzando già le 39mila gelaterie nazionali e i loro 75mila dipendenti.

Articolo precedenteAddio a Nepal, il “cane alpinista”. Il proprietario Andrea Scherini: “Sei stato un amico sincero e fedele”
Articolo successivoRoma, Timmermans apre al termovalorizzatore: “Priorità risolvere emergenza rifiuti”