In questo numero del Tg Ambiente, realizzato in collaborazione con Italpress: 1) L’Europarlamento approva la riforma del mercato delle emissioni CO2; 2) In cammino verso Omc 2023, al centro la decarbonizzazione; 3) Sos Artico, presto non ci sarà più ghiaccio; 4) Edison, nuovo parco eolico in Sicilia

 

In questo numero del Tg Ambiente, realizzato in collaborazione con Italpress:

1) L’Europarlamento approva la riforma del mercato delle emissioni CO2: Via libera della plenaria del Parlamento europeo alla proposta di compromesso sulla riforma del sistema Ue per lo scambio delle quote di emissione di Co2 (Ets) e la nuova carbon tax alla frontiera. In linea generale, la risoluzione prevede che i permessi di emissione di CO2, anche detti “carbon credits” immessi sul mercato vengano ridotti del 4,4% dal 2024, del 4,5% dal 2026 e del 4,6% dal 2029. In questo modo, la riduzione totale delle emissioni che sarà a carico del sistema Ets entro il 2030 viene portata al 63% rispetto al 2005, due punti in più rispetto al 61% previsto nella proposta della Commissione. Il via libera ha consentito di sbloccare anche il Fondo Sociale per il Clima, il nuovo fondo a sostegno delle persone più colpite dalla povertà energetica e di mobilità per aiutarle a far fronte ai maggiori costi della transizione energetica. Con l’approvazione di quest’ultimo tassello, è possibile avviare il negoziato con Consiglio e Commissione per arrivare a un’intesa definitiva sui provvedimenti del pacchetto Fit for 55.

Clima, l’Ue: “Pronti a sanzioni con chi viola gli accordi”. Approvati carbon tax e fondo sociale

2) In cammino verso Omc 2023, al centro la decarbonizzazione: Un progetto pilota che parte da Ferrara e Ravenna con l’ambizione di poter essere replicato anche in altre realtà. Con queste parole la Presidente di Omc Med Energy, Monica Spada, ha commentato la firma dell’accordo per un progetto di decarbonizzazione di 6 grandi aziende: CabotHerambienteMarcegagliaPolyntVersalis EniYara.

Pesticidi, l’Ue vuole dimezzarli entro il 2030

3) Sos Artico, presto non ci sarà più ghiaccio: Il Polo Nord è una delle regioni del pianeta dove il riscaldamento globale corre più veloce e presto l’Artico sarà senza ghiaccio. È l’allarme lanciato da diversi scienziati in uno studio pubblicato su Scientific Reports. L’area più rovente del Polo Nord è la parte settentrionale del Mare di Barents, dove il tasso di riscaldamento è 7 volte più elevato che altrove. Ogni 10 anni, la temperatura aumenta in media di 2,7°C, con picchi di 4°C nei mesi autunnali. Secondo i ricercatori dell’Istituto meteorologico norvegese, “quello che sta accadendo nell’Artico potrebbe essere l’inizio di eventi meteorologici catastrofici anche in Nord America, Asia ed Europa”. Le temperature sono sempre più alte e il ghiaccio non riesce più a esercitare la mitigazione nei confronti dell’atmosfera. Un vero e proprio circolo vizioso: il ghiaccio si scioglie, l’acqua del mare si riscalda e di conseguenza anche l’aria. “Ci aspettavamo un forte riscaldamento, ma non a questo livello. Siamo rimasti tutti sorpresi – spiegano i ricercatori – “Per quanto ne sappiamo, si tratta dei più alti livelli di riscaldamento finora osservati da ogni punto della Terra”.

Artico, l’allarme degli scienziati: “Presto non ci sarà più ghiaccio”

4) Edison, nuovo parco eolico in Sicilia: Edison inaugura un nuovo Parco Eolico a Mazzara del Vallo, in provincia di Trapani e rafforza il proprio impegno nello sviluppo della generazione di energia rinnovabile. Un asset strategico di crescita della società. Con questo nuovo impianto da 45 mw di potenza complessiva, Edison supera un gigawatt di capacità eolica installata e si conferma tra i leader del Paese nel settore, con un piano di investimenti per 3 miliardi di euro al 2030.

Articolo precedenteEcco il batterio più grande del mondo: è visibile anche a occhio nudo
Articolo successivoCONOU, Marevivo e Assonat insieme in una campagna itinerante di sensibilizzazione ambientale