Un no dell’Organizzazione Mondiale della Sanità alla chiusura dei mercati di fauna selvatica sarebbe un fallimento per la protezione della salute pubblica. Humane Society International chiede chiarimenti all’OMS sulle sue ultime dichiarazioni. 

Secondo quanto diffuso dall’Associated Press, uno scienziato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità non sosterrebbe la chiusura dei mercati di animali vivi, come quello di Wuhan, in Cina, collegato alla diffusione del COVID-19.

Wet market, i mercati dove potrebbe esser nato il covid-19. Ma in Asia continuano a restare aperti

Stando a quanto riferito, i commenti in questione sono stati fatti dall’esperto per la sicurezza alimentare e le malattie animali dell’OMS, Peter Ben Embarek. Di seguito la dichiarazione di Teresa Telecky, responsabile del dipartimento fauna selvatica di Humane Society International:

“Le osservazioni fatte, non hanno affrontato il problema degli animali selvatici venduti per essere consumati. Si tratta di una distinzione importante, data la prova scientifica che malattie come il COVID-19 e la SARS hanno avuto diffusione nei mercati di fauna selvatica. Il 17 aprile, infatti, il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dichiarato: “I governi devono applicare rigorosamente divieti sulla vendita e sul commercio di animali selvatici destinati all’alimentazione umana”. 

Wet market, per l’OMS potranno riaprire solo a determinate condizioni

Chiediamo pertanto all’OMS di fornire delucidazioni su quanto detto da Peter Ben Embarek e ribadire che gli animali selvatici non dovrebbero essere venduto in questi mercati. Il traffico di fauna selvatica è la causa della pandemia di COVID-19 e l’OMS ha l’obbligo di consigliare ai paesi di ridurre il rischio di un’altra pandemia, vietando i mercati di animali vivi.”

Traffico animali selvatici e wet market: “Vanno fermati”. Intervista a Martina Pluda, direttrice HSI Italia

Il mese scorso, Humane Society International ha pubblicato un white paper scientifico, che descrive in dettaglio il legame tra i mercati di fauna selvatica ed il COVID-19.

Articolo precedenteCambiamenti climatici, una minaccia alla pari del coronavirus. Ecco il sondaggio
Articolo successivoIncendi Australia, dal governo 150mln di dollari per recupero habitat e specie