EventiRoma

Mediterraneo da remare, sbarca ad Ostia la campagna nazionale itinerante promossa da Fondazione UniVerde

Condividi

Mediterraneo da remare, la campagna nazionale itinerante promossa dalla Fondazione UniVerde, in collaborazione con Marevivo e con l’adesione del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera fa tappa nelle Marchemercoledì 22 luglio, alle ore 11.00, a Gabicce Mare, presso il Bagno n. 5 (via Cristoforo Colombo).

 

 

Mediterraneo da remare, la campagna nazionale itinerante promossa dalla Fondazione UniVerde, in collaborazione con Marevivo e con l’adesione del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera fa tappa nelle Marchemercoledì 22 luglio, alle ore 11.00, a Gabicce Mare, presso il Bagno n. 5 (via Cristoforo Colombo).

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di sensibilizzare i turisti e i gestori degli stabilimenti balneari al rispetto del mare, incentivando l’uso di imbarcazioni a remi, canoe e pedalò rispetto a quelle a motore e contrastando l’inquinamento derivato dalla dispersione di plastiche negli specchi blu, con il focus #PlasticFree.

In occasione della tappa marchigiana, promossa in collaborazione con Slow Food Marche e con la partnership di Castalia, main partner della campagna SOS Terra Onlus e Zona 578, dopo il saluto del Sindaco di Gabicce Mare, Domenico Pascuzzi, interverranno: Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde; Federico Pedini Amati, Ministro del Turismo della Repubblica di San Marino; Gianluca Carrabs, Amministratore Unico di Svim, Agenzia di Sviluppo della Regione Marche; C. F. Maurizio Tipaldi, Comandante della Capitaneria di Porto di Pesaro; Anna Sanchi, Esperta di Educazione Ambientale; Giulio Lonzi, Responsabile Eventi Slow Food Marche. Parteciperà il Campione olimpionico di canottaggio, Bruno Mascarenhas.

#SpiaggeLibereESicureAdOstia, consegnata alla sindaca di Roma 25.500 firme a sostegno della petizione

“Sono particolarmente contento di tornare nelle Marche con Mediterraneo da remare – dichiara Alfonso Pecoraro ScanioPresidente della Fondazione UniVerde – Proprio a San Benedetto del Tronto abbiamo lanciato dieci anni fa la prima edizione della campagna. In quella occasione, la maggioranza degli stabilimenti balneari marchigiani si dichiarò Acquascooter Free, primo focus dell’iniziativa, privilegiando quindi la mobilità sostenibile. La tappa a Gabicce Mare può essere quindi un segnale forte dell’azione che si deve svolgere per tutelare l’Adriatico e per rilanciare l’offerta turistica in chiave di sostenibilità, dopo l’emergenza sanitaria.  Quest’anno l’iniziativa è dedicata al turismo #PlasticFree ed è collegata alla campagna #ioviaggioitaliano, che ho lanciato per promuovere in Italia un turismo sostenibile e smart. L’evento nelle Marche è anche occasione per rilanciare l’appello a utilizzare mascherine rilavabili e riciclabili, evitando così che la diffusione di dispositivi di protezione individuali usa e getta possa mettere in pericolo la salute dei nostri laghi, fiumi e mari”.

Ostia, il bar dei ragazzi disabili diventa Plastic Free

“Saluto con piacere la tappa marchigiana di Mediterraneo da remare che non a caso si tiene proprio qui a Gabicce Mare – dichiara Gianluca CarrabsAmministratore Unico di Svim – D’altronde il Comune di Gabicce è da sempre particolarmente attento alle politiche green e blue legate alle innovazioni di prodotto e sistema, votate alla sostenibilità. Con Svim questo Comune è già pienamente operativo nel Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia, lo strumento nato nel 2008 per avallare e sostenere gli sforzi compiuti dagli enti locali nell’attuazione delle politiche nel campo dell’energia sostenibile. La Giunta ha già lavorato sulla mobilità sostenibile della Polizia Locale e oggi si rafforza sempre più il concetto di un turismo eco-friendly, atto a sensibilizzare i turisti e i gestori degli stabilimenti balneari al rispetto del mare, preferendo l’uso di imbarcazioni a remi, pattini, canoe e pedalò rispetto a quelle a motore”.

La campagna è nata da un’idea del Presidente della Fondazione UniVerde, Alfonso Pecoraro Scanio, che da Ministro dell’Ambiente cambiò la denominazione del dicastero aggiungendovi la tutela del Mare.

Supportata da atleti del canottaggio e della canoa, a partire dai campioni olimpionici Bruno Mascarenhas e Daniele Scarpa e dal campione mondiale Livio La Padula, Mediterraneo da remare ha l’obiettivo di sensibilizzare la collettività alla tutela del Mare Nostrum e del suo delicato ecosistema, mediante la promozione di eventi e remate simboliche su tutto il territorio nazionale, sostenendo al tempo stesso le strutture turistiche operanti sui litorali marini, lacustri e fluviali che scelgono di mettere a disposizione dei propri clienti canoe e altre imbarcazioni ecologiche, promuovendo così un turismo sostenibile e amico del Mediterraneo. 

(Visited 28 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago