Mediterraneo da remare, inaugurata la XII edizione della campagna itinerante al Circolo Canottieri Roma

219
0

Riparte Mediterraneo da remare #PlasticFree, la campagna di informazione e sensibilizzazione promossa dalla Fondazione Univerde in collaborazione con Marevivo e l’adesione del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera per il rispetto del Mare Nostrum e il contrasto all’inquinamento da plastiche.

Obiettivo dell’iniziativa è quello di promuovere la transizione dai vecchi modelli turistici a un turismo sostenibile e responsabile sui litorali marini, fluviali e lacustri; disincentivando l’uso di natanti a motore a favore di quelli ecologici e contrastando ogni forma di inquinamento nei mari, fiumi e laghi, con particolare riferimento, attraverso il focus #PlasticFree, a quello dovuto all’insostenibile quantità di plastiche e microplastiche.

Ci avviciniamo all’estate, le persone scelgono sempre di più il mare, ma il patrimonio della città di Roma Capitale che contiene, oltre al mare, un grande patrimonio lacustre e fluviale. Mentre si fa questa scelta ci accorgiamo di quanto questi luoghi bellissimi possano essere inquinanti dai comportamenti dell’uomo. Campagne di sensibilizzazione come questa sono utilissime alla sensibilizzazione e prevenzione, perché è facile bonificare dopo. Il messaggio positivo da passare è che occorre mantenere prima e bene il nostro stupendo patrimonio, specie quello marino, di cui noi italiani siamo particolarmente ricchi”, afferma a TeleAmbiente Pierluigi Sanna, Vicesindaco della Città Metropolitana di Roma Capitale

“Ogni anno con questa campagna vengono raccontate quali possono essere le soluzioni per migliorare lo stato di salute del nostro mare. Si parla di remi, raccogliamo microplastiche, favoriamo tutto ciò che è meglio per il nostro mare“, dichiara a Carmen Di Penta, Direttore di Marevivo.

“Marevivo è da 12 anni partner privilegiati di questa campagna, partita per evitare gli acquascooter, elemento di inquinamento aggiuntivo in un mare che merita rispetto, e questa iniziativa vuole promuovere l’uso della canoa, della vela e di tutto ciò che vuole aiutare il nostro mare”, afferma presidente della Fondazione UniVerdeAlfonso Pecoraro Scanio.

Alla presentazione dell’iniziativa sono intervenuti anche il Segretario Generale del Circolo Canottieri Roma, Marcello Scotto e il campione olimpionico Bruno Mascarenhas, Direttore Tecnico Canottaggio al Circolo Canottieri Roma e testimonial della campagna #MediterraneoDaRemare: “Oggi credo che l’obiettivo principale sia quello di educare i giovani, le future generazioni, a non gettare o usare meno plastica sempre più presente nei nostri mari e soprattutto nei nostri fiumi. Il Circolo Canottieri Roma dallo scorso anno, anche grazie a questa campagna di cui sono testimonial da 12 anni, mettiamo nel kit di abbigliamento le borracce eliminando la plastica”.

“Un’iniziativa che Guardia Costiera non può che condividere e farne parte. Tutela del mare e delle coste attraverso tecnologie che consentono di verificare l’inquinamento in mare e le aree marine protette. Questo è solo una parte del lavoro che la Guardia Costiera fa per preservare il nostro mare”. Contrammiraglio Filippo Marini, Direttore Marittimo del Lazio, Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera:

La XII edizione di Mediterraneo da remare vede rinnovata la Main partnership con Castalia Consorzio Stabile S.C.p.A., che da oltre 30 anni opera in Italia e all’estero per la salvaguardia e tutela del mare ed è impegnata nella costante ricerca e sperimentazione di nuove soluzioni e tecnologie innovative volte alla salvaguardia dell’ambiente marino, delle risorse del mare e allo sviluppo del turismo nautico.

Stefano Casu, C.I.O. di Castalia: “La plastica è presente in grandissima quantità, come dimostrano le attività che facciamo in diversi fiumi d’Italia. Ora stiamo operando sul fiume Po a Ferrara e stiamo lavorando con organizzazioni internazionali per ampliare il numero di sistemi su tutto il territorio”.

Mediterraneo da remare 2022.

La campagna itinerante Mediterraneo da remare è nata da un’idea del Presidente della Fondazione UniVerde, Alfonso Pecoraro Scanio, che da Ministro dell’Ambiente cambiò la denominazione del dicastero aggiungendovi la “tutela del Mare”. Eventi itineranti lungo le coste italiane, tappe internazionaliremate simboliche in varie località balneari e in collaborazione con gli stabilimenti che segnaleranno, ai soggetti promotori, iniziative concrete per la tutela degli ecosistemi marini, lacustri e fluviali. Le iniziative, che si svolgeranno nel corso dell’estate 2022, saranno prevalentemente dedicate a contrastare la dispersione delle macro e micro plastiche in mare, con lo slogan #PlasticFree, ma anche a rilanciare il focus “Acquascooter Free” promuovendo la mobilità a remi e la diffusione dell’uso delle canoe in luogo del noleggio di moto d’acqua.

La prima tappa odierna di Mediterraneo da remare #PlasticFree 2022 è stata promossa in partnership con: Circolo Canottieri RomaFederazione Italiana Canoa e KayakMarnaviOpera2030 e SOS Terra Onlus.

Articolo precedenteSardegna, appicca un incendio: arrestato piromane
Articolo successivo“Papà, ma anche le farfalle muoiono?”. La toccante domanda di un bambino durante un incendio