AttualitàBreaking News

MAXI INCENDIO ECOBALLE. COSTA: “ALLERTATI NOE, FAREMO CHIAREZZA”

Condividi

Maxi incendio ecoballe. Maxi incendio a San Vitaliano nel Napoletano: a
fuoco sono state delle Ecoballe all’interno dell’azienda Ecologia Bruscino.

Visibili da diversi punti della città le altissime colonne di fumo.
“Stiamo monitorando e seguendo con attenzione quanto sta avvenendo a San Vitaliano, nel napoletano, dove ha preso fuoco un’azienda per il riciclaggio e deposito di ecoballe. Siamo in contatto con le autorità locali competenti e ci stiamo informando perchè i cittadini sono giustamente spaventati dalla colonna di fumo che secondo le prime notizie sarebbe alta fino a 30 metri” – dichiara il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.
Sul posto, sono già a lavoro 12 squadre dei vigili del fuoco, circa 50 uomini. 
Con loro anche la squadra Nbcr (Nucleare Biologico Chimico e Radiologico) dei Vigili del fuoco, che interviene nei casi in cui dagli incendi si sprigionano sostanze pericolose.
Allertata anche l’Arpac che interverra’ ad intervento concluso.
Secondo quanto confermato dalla centrale operativa dei vigili del fuoco non ci sono persone coinvolte. 
“Abbiamo attivato i Noe. Siamo oltremodo consapevoli che questo è l’ennesimo rogo che riguarda gli impianti di stoccaggio e riciclo dei rifiuti – ha spiegato il ministro Costa – Quasi 300 in due anni in tutta Italia. Un numero impressionante che non può essere considerato casuale. Ci siamo già attivati per poter fare chiarezza”.
(Visited 70 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago