Attualità

Mauro Morandi, la storia dell’ex guardiano dell’Isola di Budelli ha fatto il giro del mondo

Condividi

“Riconosciamo l’importanza del ruolo svolto dall’ex guardiano per la custodia della Spiaggia Rosa e per la grande risonanza mediatica fornita a La Maddalena”. La storia di Mauro Morandi ha fatto il giro del mondo, definito come il Robinson Crusoe italiano”.

L’isola di Budelli perde il suo guardiano, Mauro Morandi, unico abitante e custode dell’ isola dell’arcipelago della Maddalena, in Sardegna. L’uomo ha contribuito a salvaguardare per gli ultimi 32 anni l’isola, di cui era l’unico abitante. Da Budelli, però, Morandi non se ne sarebbe mai voluto andare.

Australia, dal governo 100 milioni di dollari a difesa degli oceani

È una ventina d’anni che lotto contro chi mi vuole mandare via, anche se sostenuto, psicologicamente e non solo, da Budelli e da tutti voi. Ora me ne andrò, sperando che in futuro Budelli sia salvaguardata come ho fatto io per ben 32 anni”, scrive Morandi sul suo profilo Facebook. Era stata lanciata anche una petizione su Change.org “Mauro, il custode di Budelli ancora sotto attacco da chi lo vuole cacciare”

La storia dell’ex guardiano ha fatto il giro del mondo: è stato definito dal Guardian come il Robinson Crusoe italiano, è raccontata anche dalla Bbc.

La sua preoccupazione ora va ai suoi gatti, abituati ad essere liberi nell’isola: “C’è qualcuno che vuole prendersene cura?“.

Ora l’isola di Budelli si prepara a una nuova vita. Una sorta di passaggio di consegne ufficiale tra Morandi e il direttore del Parco dell’Arcipelago di La Maddalena, Michele Zanelli, è stato sancito da una manciata di sabbia rosa restituita al suo luogo d’origine da un anonimo ‘predatore pentito’.

“Finisce così nel migliore dei modi il passaggio di consegne ufficiale tra l’ex custode e il direttore“, riferisce l’Ente Parco. “Un gesto piccolo che racchiude quel che davvero conta – è il finale con tanto di impegno per il futuro – salvaguardare insieme la nostra natura”.

Il Parco è pronto ad effettuare gli interventi di riqualificazione del luogo. E’ stato infatti progettato un piano, finanziato dal Ministero per la Transizione Ecologica che prevede l’abbattimento di alcune opere abusive, l’efficientamento energetico del fabbricato di Cala di Roto, il ripristino della rete sentieristica e della segnaletica informativa. In vista degli interventi il direttore del Parco ha effettuato un sopralluogo nell’isola.

“Riconosciamo l’importanza del ruolo svolto dall’ex guardiano per la custodia della Spiaggia Rosa e per la grande risonanza mediatica fornita a La Maddalena, concentrando l’attenzione del mondo intero su Budelli, la sua bellezza e la sua natura selvaggia“, recita l’armistizio firmato dal Parco.

Cascate Vittoria, ecco come sono cambiate a causa dei cambiamenti climatici

La storia di Mauro Morandi: come è diventato il guardiano dell’isola

Mauro Morandi, modenese, 81 anni, ex insegnante di educazione fisica, nel 1989 è capitato per caso sull’isola di Budelli, all’epoca privata. Scoperto che il posto di custode era vacante, si è fermato lì.

Nel 2016 l’isola è diventata di proprietà pubblica del Parco.  All’inizio di quest’anno l’ente ha deciso di intervenire ed eliminare gli abusi edilizi presenti sull’isola. Dovendo intervenire anche sul vecchio rifugio risalente alla Seconda Guerra mondiale che Morandi aveva eletto a domicilio, ciò ha comportato lo sfratto del custode.

“Il Parco è pronto a riqualificare Budelli, il piano prevede l’abbattimento di alcune opere abusive”, spiegano dall’ente, ammettendo che questo “si ripercuote inevitabilmente anche su Mauro Morandi, che per questioni di sicurezza e per consentire i lavori deve lasciare l’immobile“.  Ma non si escludono nuove possibili collaborazioni“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mauro Da Budelli (@maurodabudelli)

(Visited 46 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago