Politica

MATTARELLA AI PARTITI: “GOVERNO NEUTRALE FINO A DICEMBRE O VOTO SUBITO”

Condividi

Mattarella ai partiti: “governo neutrale fino a dicembre o voto subito”. Ultimo giro di consultazioni al Quirinale.

Confermate tutte le indisponibilità di Governo, il Presidente della Repubblica si appella alle responsabilità dei partiti per uscire dallo stallo e formare un Governo neutrale che lavori fino al 31 dicembre. I cui componenti si impegnino a non candidarsi alle prossime elezioni.

Un Governo di servizio – come lo definisce Mattarella – per il Paese e per i partiti, per varare la manovra evitando l’aumento dell’Iva, rappresentare l’Italia nei consessi internazionali e garantire un clima di tregua per permettere che riparta il dialogo tra le forze politiche.

Ma se non i partiti non dovessero votare la fiducia, non resterebbe che il voto anticipato, che potrebbe svolgersi a luglio o in autunno.

Eventualità, sottolinea però il Colle, che metterebbe a rischio la futura manovra finanziaria e che – a legge elettorale invariata – rischierebbe di riprodurre lo stallo attuale.

Inoltre – rimarca Mattarella – sarebbe “la prima volta nella storia della Repubblica che una legislatura si conclude senza neppure essere avviata. La prima volta che il voto popolare non viene utilizzato e non produce alcun effetto”.

A stoppare ogni ipotesi di un Governo Gentiloni bis, è lo stesso Capo dello Stato: il governo Gentiloni – sottolinea il Capo dello Stallo – “ha esaurito la sua funzione”.

Nei prossimo giorni (domani o dopodomani), il Capo dello Stato avanzerà la sua proposta, incaricando un premier, che nelle ore successive andrà alle  Camere.

La scelta insomma, spetta ai partiti che non fanno attendere la loro replica.

Non cambia la linea del M5S. “Si vada al voto a luglio“, è a replica che filtra dai vertici del
Movimento.

Il M5s voterà il governo neutrale proposto dal Presidente Mattarella? “Assolutamente no. Pur senza
avere pregiudizi sulle persone, non possiamo permettere che delle persone che non hanno una legittimazione popolare, che non sono passate dalla competizione elettorale, possano andare a gestire e a risolvere i problemi” – afferma il capogruppo al Senato del M5s Danilo Toninelli a La7.

“Abbiamo ascoltato con attenzione e rispetto le parole del presidente Mattarella. Fi è rispettosa del voto degli italiani e si riconosce nel centrodestra unito valutera’ all’interno della coalizione le posizioni da assumere. Siamo pronti come sempre al voto in ogni momento ma riteniamo che il voto in estate non sia adatto per garantire la
partecipazione come sottolineato anche da Mattarella” – replica invece Maria Stella Gelmini, vice capogruppo di Fi.

Per Giorgia Meloni, “all’Italia non serve un governo neutrale ma un governo capace di schierarsi con gli italiani. E il Presidente Mattarella sa bene che nessun governo è neutrale”.

Per questo – sottolinea la leader di Fratelli d’Italia – “non ci saranno i voti di Fratelli d’Italia per un altro governo nato nei laboratori del Quirinale e incapace di dare risposte ai cittadini”.

“Mattarella vuole un ‘governo neutrale’? Per carità, serve un governo coraggioso, determinato e libero, che difenda in Europa il principio prima gli italiani, che difenda lavoro e confini, altro che governino per tirare a campare. Per me, o si cambia o si vota. Conto su di voi” – scrive invece su Facebook il leader della Lega Matteo Salvini.

Si schiera a favore del richiamo alla responsabilità del Capo dello Stato, il Partito Democratico: “il Pd – afferma il segretario reggente, Maurizio Martina – non farà mancare il suo sostegno all’iniziava preannunciata ora dal presidente”.

(Visited 44 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago