Attualità

MATTARELLA IN VISITA AL CENTRO RICERCHE “CASACCIA” DELL’ENEA. “RICERCA E’ VITALE PER L’ITALIA”

Condividi

Mattarella.  Visita del Presidente della Repubblica, Sergio Matterella, al Centro Ricerche “Casaccia” dell’Enea.

Il Capo dello Stato è stato accolto da Federico Testa, Presidente dell’Enea e da una delegazione dei Capi del Dipartimento dell’Agenzia che lo hanno poi accompagnato nella visita ai principali laboratori e impianti sperimentali del polo di ricerca come l’impianto solare termodinamico, la serra a contenimento e il reattore sperimentale Triga.

“L’Italia ha una tradizione scientifica altissima” ed è vitale andare avanti con la ricerca e soprattutto “che venga riaffermata la consapevolezza della sua importanza” per l’intero sistema Paese – ha sottolineato il presidente Sergio Mattarella, spiegando poi di avere “ben presente” l’importanza della ricerca scientifica e di quanto “i ricercatori abbiano bisogno di stabilità”.

Per il capo dello Stato, l’intera rete nazionale dell’Enea è “un punto fondamentale” per le ricadute pratiche nel Paese.

“Si tratta – ha detto Mattarella – di una delle realtà concrete dell’Italia”, un Paese che “bisogno costante di un aggiornamento della ricerca”.

“Il nostro Paese ha tanti centri avanzati di ricerca sul territorio, una vera rete che garantisce all’Italia le prospettive per il futuro” – ha aggiunto il Presidente della Repubblica – “di questa rete l’Enea è un punto fondamentale, proiettata sul futuro e sulle frontiere della ricerca più’ avanzata”.

Mattarella ha sottolineato infine che “le ricadute concrete e indispensabili” della ricerca “che riguardano il nostro Paese. La seconda manifattura d’Europa ha un bisogno costante di aggiornamento, di innovazione, di applicazione della ricerca per mantenere il suo ruolo di protagonista in Europa e nell’ambito della comunità internazionale”.

 

(Visited 84 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago