Good News

Matrimoni, la prima coppia al mondo a sposarsi con visiere plastic free

Condividi

Una coppia britannica ha messo la sicurezza e l’ambiente al primo posto nel loro matrimonio convogliando a nozze indossando dispositivi DPI senza plastica. Sono la prima coppia al mondo a farlo. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

This is amazing! 🙌 👰🤵 . A British couple have become the first to tie the knot using plastic-free PPE during their wedding. . Rebecca Hughes and Neil Simms were supposed to wed in April, but had a COVID-safe wedding last week in Devon. . As passionate environmentalists, neither Rebecca nor Neil wanted to use plastic-based PPE – especially after seeing footage of discarded masks and gloves polluting oceans and rivers. . Instead they used @aplasticplanet’s plastic-free visors to ensure they could go ahead with their wedding, without hurting the planet. . #plasticfreeppe #plasticfreeliving #plasticfreeoceans #plasticfreewedding #greenweddingdress #greenwedding #ecowedding #ecoweddinginspiration #covidwedding #covidweddingplanning #covidsafeweddings #plasticfreevisor #ppe #plasticfreebeach #plasticfreebeaches

Un post condiviso da euronews Living (@euronewsliving) in data:

Una coppia britannica ha messo la sicurezza e l’ambiente al primo posto nel loro matrimonio convogliando a nozze indossando dispositivi DPI senza plastica. Sono la prima coppia al mondo a farlo. 

Rebecca Hughes e Neil Simms avrebbero dovuto sposarsi nell’aprile di quest’anno annullato in seguito alle restrizioni imposte dal COVID-19. Circa il 64% dei matrimoni è stato annullato o posticipato nel corso della pandemia, secondo uno studio condotto dall’app di pianificazione del matrimonio Bridebook.

La coppia attenta al clima si è sposata la scorsa settimana nel Devon, sulla costa sud-occidentale dell’Inghilterra. Per entrambi è stato importante indossare protezioni per il viso senza plastica come misura pratica ed ecologica durante la cerimonia.

Matrimoni green, non una moda ma una scelta. I consigli di Donatella D’Anniballe

Ogni coppia che sceglie di sposarsi nel 2020 dovrà scendere a compromessi. Entrambi abbiamo sentito, soprattutto dopo il blocco, che il nostro matrimonio era un’opportunità per creare una nuova normalità positiva e per essere più consapevoli dell’ambiente nel nostro processo decisionale “, ha detto Rebecca.

Nei prossimi mesi, circa il 36% di tutte le attività matrimoniali andrà perso, con l’industria destinata a subire perdite fino a £ 87,5 miliardi. Di conseguenza, se i matrimoni possono riprendere con visiere senza plastica, come quelle di A Plastic Planet, i festeggiamenti possono continuare senza che i nuovi sposi contribuiscano al crescente problema dell’inquinamento da plastica.

Abiti da sposa green, quando la beneficenza incontra la sostenibilità

Le visiere REELshield Flip che la coppia ha utilizzato, sono servite anche per proteggere dalla pioggia di quel giorno. Invece di indossare una maschera facciale, le visiere trasparenti hanno consentito loro di essere più espressivi e scambiare sorrisi durante il loro giorno speciale.

Rebecca e Neil avevano un gran desiderio di sposarsi ma non volevano che il loro matrimonio avesse un costo per il pianeta“, afferma Sian Sutherland, co-fondatore di A Plastic Planet. “C’è così tanta paura intorno a Covid-19, è stimolante vedere questa coppia dare l’esempio“.

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago